Search

I medici più attivi

Ultimi articoli

13/01/2017

I consigli della SIGO per affrontare al meglio la menopausa

i consigli della sigo per affrontare al meglio la menopausa
GoSalute
Scritto da:
GoSalute

La Società Italiana di Ginecologia ha diffuso un opuscolo dal titolo Menopausa, meno… male!, con lo scopo di aiutare le donne a comprendere cosa sia e cosa comporta la menopausa, “ma soprattutto - come si legge - come affrontare il cambiamento e viverlo al meglio”. Si parte dalla premessa che “la menopausa è una fase delicata e transitoria nella vita della donna, durante la quale è sempre più possibile mantenere inalterata la qualità della vita”.

La SIGO ricorda che “un’italiana oggi ha un’aspettativa di vita (84,6 anni) sempre più alta, il che significa che all’arrivo della menopausa (tra i 45 e i 55 anni) ha quasi 30 anni di vita di fronte a sé, anche dal punto di vista sessuale”.

“Negli ultimi anni”, inoltre, “sono aumentate le madri ultra 40enni (+12% dal 2010), quindi la donna in menopausa può avere figli giovani o giovanissimi ed è spesso ancora nel pieno della vita lavorativa. La menopausa non è più sinonimo esclusivo di invecchiamento. Eppure ancora oggi è un argomento di cui si parla molto poco nel nostro Paese, e spesso in modo distorto. Per tante italiane è ancora considerata una fase negativa della vita. Il 61% afferma di sentirsi peggio di prima della fine del ciclo mestruale”.

Cos'è la menopausa

Come si legge sull’opuscolo, la menopausa è il periodo della vita della donna in cui termina l’età fertile e scompaiono definitivamente le mestruazioni. Nella maggior parte dei casi si presenta intorno ai 50 anni (con un intervallo di normalità tra i 45 e i 55 anni). Si entra ufficialmente in menopausa dopo l’interruzione del ciclo mestruale per 12 mesi.

Esistono tre diversi tipi di menopausa:

  • precoce: quando inizia prima dei 40 anni;
  • prematura: quando inizia prima dei 45 anni;
  • tardiva: quando si verifica dopo i 55 anni.

La menopausa è in genere spontanea ma esiste anche la menopausa artificiale, causata da interventi chirurgici, trattamenti antitumorali, agenti infettivi, chimici o malattie metaboliche, difetti enzimatici o meccanismi autoimmuni, che spesso coinvolgono surrene e tiroide, oltre che l’ovaio.

I disturbi della menopausa

Esiste una fase di transizione della menopausa caratterizzata da lievi disturbi:

  • vampate di calore: sensazione di calore improvvisa, transitoria, diffusa a livello del torace, del viso, della testa, accompagnata da arrossamento cutaneo e sudorazione;
  • umore instabile: irritabilità, pianto facile, sensazione di ansia e tristezza;
  • calo della libido: riduzione della motivazione alla sessualità, perché diminuiscono i livelli di estrogeni e in parte di androgeni, comportando una progressiva involuzione degli organi genitali e una conseguenza reazione meno adeguata alla stimolazione sessuale.

Per contrastare questi sintomi, come si legge sull’opuscolo, “è fondamentale seguire stili di vita sani” e “svolgere attività fisica è un ottimo aiuto: allenando il sistema cardio-circolatorio si favorisce l’adattamento vascolare, riducendo la severità del disturbo”. L’alimentazione, poi, deve essere ricca di antiossidanti.

Per approfondire guarda anche: “Menopausa: il falso mito dell'aumento di peso“

Disturbi urogenitali

Altre conseguenze della menopausa:

  • secchezza vaginale, perché diminuiscono gli estrogeni;
  • frequenti episodi infettivi o infiammatori (cistiti);
  • incontinenza urinaria, perché s’indeboliscono i muscoli pelvici;
  • vescica iperattiva, ovvero l’esigenza di urinare spesso.

Per contrastare questi disturbi “si possono fare appositi esercizi: basta controllare i muscoli come se si volesse impedire la fuoriuscita di urina per circa dieci secondi, per poi rilasciarli”.

La terapia

Questi disturbi tendono a scomparire con l’avanzare dell’età ma ci sono diversi modi per contrastarli, come la terapia ormonale sostitutiva (TOS), ovvero un trattamento farmacologico a base di ormoni estrogeni associati a progestinici che normalmente vengono prodotti dalle ovaie.

Viene usato anche il Tibolone, ormone di sintesi che ha proprietà estrogeniche, progestiniche e androgeniche.

La SIGO consiglia, innanzitutto, di parlare con il proprio medico che, dopo una valutazione della storia personale e un’attenta visita, saprà consigliare se e quando iniziare la terapia e quale trattamento scegliere.

La prevenzione per una menopausa ideale

L’opuscolo della Società Italiana di Ginecologia e Ostetricia termina con 10 consigli per la prevenzione per una menopausa ideale.

  1. Segui sane abitudini alimentari: una dieta ricca di vitamine (soprattutto D ed E), proteine, carboidrati, sali minerali (Calcio e ferro), Omega3.
  2. Controlla il tuo peso.
  3. Assumi regolarmente acqua in quantità elevata, anche se non hai sete (non meno di 1,5-2 litri al giorno).
  4. Non fumare. Ricorda il fumo è nemico della bellezza e accelera tutti i processi di invecchiamento del nostro corpo.
  5. Se bevi alcol, fallo con moderazione (la quantità consigliata corrisponde a poco meno di un bicchiere di vino al giorno, durante i pasti principali).
  6. Fai movimento: l’esercizio fisico garantisce il benessere dell’organismo e della mente.
  7. Stimola il cuore e la mente: considera la menopausa come una seconda giovinezza. Non rinunciare alla tua intimità e alle tue passioni.
  8. Contro i piccoli disturbi consulta sempre il tuo medico di famiglia e il tuo ginecologo. Sapranno proporti la soluzione giusta per te!
  9. Effettua sempre i controlli di screening a cui sei invitata (mammografia, sangue occulto nelle feci) e continua a eseguire il pap test.
  10. Accogli la menopausa con serenità: è una fase della vita che, come tutte, presenta alti e bassi, vantaggi e fastidi. Se la affronti con consapevolezza ed entusiasmo, potrai godere pienamente questa nuova stagione della tua vita!
Leggi anche:
Il fumo danneggia il cuore e le arterie, aumentando il rischio di patologie cardiovascolari anche gravi. Smettere di fumare allunga la vita.
TAG: Ginecologia e ostetricia | Menopausa | Organi Sessuali | Salute femminile | Anziani | Geriatria
GoSalute
Scritto da:
GoSalute