Ogni anno, da ormai 30 anni, l’appuntamento globale dedicato al kissing day diventa un’occasione per celebrare l’amore. Quest'anno sarà un po' diverso, poichè l'emergenza sanitaria da Covid-19 ci ha messi in guardia dai rischi del contagio attraverso la saliva. 

Tuttavia, che sia sulle labbra, sulla guancia, sulla fronte o sulla mano, è un gesto capace di sviluppare innumerevoli benefici per tutto l’organismo.

Perché celebrare l’International Kissing Day

Il Kissing Day nasce in Inghilterra nel 1990 e da subito riesce a coinvolgere i romantici di tutto il mondo a celebrare uno dei gesti più belli e dolci di sempre.

La sua popolarità è dovurta al fatto che le labbra non sono solo una delle zone più erogene del nostro corpo, ma anche tra le più sensibili, pertanto attraverso il contatto riescono a infondere piacere e benessere psicofisico.

Un bacio fa lavorare 34 muscoli facciali e coinvolge 112 muscoli posturali, e secondo diversi studi, ammonterebbero a circa 2 settimane il tempo della nostra vita trascorso a scambiarci baci.

Questa giornata vuole proprio ricordare quanto è importante baciarsi, perché molto spesso col progredire dell’età e/o di un rapporto, si tende a farlo meno, eppure non si dovrebbe rinunciare mai.

Tutti i benedici del bacio

Secondo la scienza, un bacio ha grandi poteri in tema di salute. Innanzitutto, perché:

  • bastano 10 secondi appassionati per condividere 80 milioni di batteri appartenenti a 700 ceppi diversi, utili a rafforzare l'organismo e le difese immunitarie;
  • ha un effetto calmante e aiuta a ridurre l’ansia, perché favorisce la diminuzione di cortisolo (l'ormone dello stress), e fa aumentare invece i livelli di serotonina, l'ormone del buonumore;
  • quando le labbra si uniscono in un bacio, i vasi sanguigni si dilatano, favorendo il flusso del sangue e portando un abbassamento della pressione;
  • allena i muscoli facciali, infatti richiede il coordinamento di 146 muscoli totali;
  • scambiarsi baci aumenta il flusso di saliva, il che aiuta a mantenere sani bocca, denti e gengive;
  • ricerche mostrano come baciarsi di frequente possa allungare la vita fino a 5 anni.

Attenzione alle malattie trasmissibili attraverso il bacio

Quando si pensa al bacio, la prima cosa che viene in mente è un momento intenso e piacevole, eppure questo semplice gesto può trasmettere alcune malattie che non vanno sottovalutate. Infatti, anche un semplice bacio può essere portatore di patologie soprattutto quando ci si scambia effusioni con partner occasionali di cui si conosce poco o nulla.

La prima delle malattie trasmesse con i baci è quella che comunemente è conosciuta proprio come la “malattia del bacio”: la mononucleosi, un’infezione che si contagia mediante lo scambio di saliva. È più frequente negli adolescenti e porta febbre, mal di gola e infiammazione.

Tra le malattie trasmesse con i baci può esservi anche la faringite streptococcica, che si manifesta con il mal di gola. I batteri responsabili sono streptococchi dei gruppi A e B.

Piuttosto comune è anche il contagio da herpes labiale, generalmente visibile sulle labbra della persona anche a occhio nudo a causa delle afte causate dal virus, l’herpes simplex. I sintomi si manifestano generalmente dopo una o due settimane dal contatto e per guarire è sufficiente una crema topica specifica e il rispetto delle normali regole igieniche.