13/04/2015

Strategie detox di primavera: via libera al limone

Ha senso aggiungere una fettina di limone nell’acqua nella convinzione che faccia bene alla salute o che faccia dimagrire? Innanzitutto è vero che bere del succo di limone aiuta a sgonfiarsi perché ha proprietà diuretiche e ammorbidisce le feci quindi non è astringente come comunemente si crede. Inoltre l’acqua col limone dà una leggera sferzata al metabolismo, ma probabilmente è anche merito dell’acqua da sola visto che uno studio pubblicato sul The Journal of Endocrinology and Metabolism scoprì che se si beve mezzo litro d’acqua le calorie bruciate nell’ora successiva sono più alte della media.

Il limone dunque serve oppure no a dimagrire? Uno studio pubblicato sul Journal of American College of Nutrition scoprì che le persone con adeguati livelli di vitamina C nell’Organismo (di cui il limone è estremamente ricco) bruciano il 30% di grassi in più durante gli allenamenti sportive. Il succo di limone è anche ricco di pectina una Fibra che può ostacolare l’aumento di zuccheri nel Sangue ritardando il manifestarsi della sensazione di fame. Naturalmente anche altri ortaggi sono preziose fonti di vitamina C, come le arance, le fragole, i peperoni, i kiwi, i broccoli, mentre le mele, i pompelmi e le arance contengono buone quantità di pectina.

Un bicchiere di acqua tiepida e limone al mattino ha un’azione depurativa, spiega Sara Farnetti, specialista in medicina interna ed esperta in nutrizione funzionale e metabolismo, ed è un ottimo modo per iniziare al meglio la giornata perché “il citrato attiva i cicli cellulari”.

TAG: Scienza dell'alimentazione | Nutrizione | Alimentazione naturale