Zika: scienziati cinesi scoprono il genoma

Zika: scienziati cinesi scoprono il genoma

Ottime notizie dalla Cina per la prevenzione e la diagnosi di Zika. Gli scienziati cinesi hanno tracciato la sequenza del genoma del virus.
In questo articolo:
Ottime notizie dalla Cina per la prevenzione e la diagnosi di Zika: gli scienziati cinesi hanno tracciato la sequenza del genoma del virus. Ciò è avvenuto grazie all’analisi del primo caso registrato in Cina, un 34enne originario di Ganxian della provincia di Jiangxi, rientrato da un viaggio in Venezuela, via Hong Kong e Shenzhen (città del Guangdong), ricoverato d’urgenza dopo la comparsa dei sintomi compatibili con il virus, ovvero febbre, mal di destra e vertigini, ma guarito e dimesso dopo le cure.

L’importanza della scoperta dei ricercatori cinesi del Center for Disease Control and Prevention (CDC) e del Centro provinciale del Jiangxi, diffusa dall’agenzia di stampa ‘Nuova Cina’, risiede nel fatto che adesso si possono comprendere le mutazioni di Zika e lo sviluppo di batteri e reagenti per rilevare e soprattutto contrastare la malattia.
Leggi anche:
Le analisi del Sangue, effettuate dal dipartimento di microbiologia del Sant'Orsola di Bologna, hanno confermato che l'uomo ha contratto il Virus Zika.

Virus Zika nel liquido amniotico 

È di pochi giorni fa, invece, un’altra notizia significativa. Grazie a uno studio pubblicato in The Lancet Infectious Diseases per la prima volta Zika è stato rilevato nel liquido amniotico di due donne incinte, confermando in questo modo l’ipotesi che il virus passi attraversare la placenta e infettando così il nascituro; tuttavia, è giusto sottolineare che non c’è la prova che questo provochi, in linea generale, la temuta microcefalia.
In sintesi, lo studio ha preso in esame i casi di due donne, l’una di 25 e l’altra di 35 anni, su cui sono stati riscontrati i sintomi di infezione da Zika durante i primi tre mesi di gravidanza e attraverso gli Ultrasuoni si è accertata la microcefalia dei feti.

Quattro verità su Zika 

Al di là di tutte le notizie che ruotano attorno a Zika, bisogna però ricordare quattro verità recentemente affermate dall’Organizzazione Mondiale della Sanità, per evitare di diffondere inesattezze:
  1. Non esistono prove che i vaccini e gli insetticidi - e non Zika - stiano causando direttamente la microcefalia;
  2. Le zanzare geneticamente modificate non sono responsabili della diffusione di Zika in Brasile;
  3. La diffusione di Zika non è causata dal maschio della zanzara sterilizzata;
  4. Le strategie ‘chimiche’ non rappresentano l’unico mezzo di lotta contro Zika.
Ad esempio, a El Salvador, si stanno introducendo nei serbatoi dell’acqua dei pesci che si nutrono delle larve delle zanzare.

Per approfondire guarda anche “Come prevenire le punture delle zanzare”:
Cerca un medico nella tua città
Specialista in Malattie infettive e Microbiologia e virologia
Prov. di Avellino
Specialista in Malattie infettive e Microbiologia e virologia
Prov. di Napoli
Contatta il migliore specialista nella tua città
Specialista in Microbiologia e virologia e Malattie infettive
Alessandria (AL)
Specialista in Medicina alternativa (agopuntura, omeopatia...) e Malattie infettive
Brescia (BS)
Specialista in Malattie infettive
Prato (PO)
Contatta il migliore specialista nella tua città
Specialista in Malattie infettive
Roma (RM)
Specialista in Malattie infettive
Salerno (SA)
Specialista in Pediatria e Malattie infettive
Bari (BA)
Specialista in Malattie infettive
Latina (LT)
Specialista in Gastroenterologia e endoscopia digestiva e Malattie infettive
Roma (RM)