Latte di capra, i benefici per la salute e il corpo

latte di capra i benefici per la salute e il corpo
Massimo Canorro
Scritto da:
Massimo Canorro
Giornalista & web content editor

Il latte di capra rappresenta una più che valida alternativa al latte vaccino e si contraddistingue soprattutto per l’aroma e il sapore molto particolari. Grazie alla ridotta quantità di lattosio e alla maggiore assimilabilità, il latte di capra è impiegato anche per la produzione di formaggi, yogurt, ricotta e altri prodotti caseari.

Rispetto al latte di mucca, quello di capra contiene quantità inferiori di vitamina B2 ma, tuttavia, è ricco di calcio (ciò contribuisce a prevenire l’osteoporosi), fosforo, potassio e riboflavina. Le proteine del latte di capra – che contiene anche la taurina, un amminoacido essenziale per la sintesi della bile e la salute degli occhi – sono simili a quelle del latte di mucca: un aspetto di non poco conto.

Una considerazione importante da fare riguarda l’alimentazione del neonato: alla stregua del latte vaccino, il latte di capra non è adatto a sostituirsi al latte materno, che resta in assoluto la tipologia da preferire per la salute e il corretto sviluppo del bambino.

I benefici del latte di capra

Questa preziosa bevanda non sempre è conosciuta e apprezzata ma, in realtà, presenta notevoli benefici per il corpo e per l’organismo. Il latte di capra non crea problemi infiammatori all’intestino, è facilmente digeribile, non agevola l’aterogenesi (il deposito dei grassi all’interno delle arterie e dei vasi sanguigni). Inoltre:

  • rinforza il sistema immunitario: la quantità di selenio contenuta nel latte di capra riesce rinforzare il sistema immunitario, difendendolo dalle infezioni e dalle malattie;
  • migliora il metabolismo: il latte di capra può essere un valido alleato nel migliorare l’assorbimento di ferro e rame nel tratto digestivo ed è indicato soprattutto per chi soffre di anemia e altre carenze nutritive;
  • allevia l’infiammazione intestinale: il composto enzimatico contenuto nel latte di capra è in grado di lenire l’infiammazione intestinale;
  • non altera i livelli di colesterolo: in confronto al latte vaccino, il latte di capra contiene circa il doppio degli acidi grassi utili per mantenere i livelli di colesterolo entro i limiti di salute, prevenendo attacchi cardiaci e aterosclerosi;
  • aiuta a restare in forma: rispetto al latte vaccino, il latte di capra ha meno grassi “cattivi” e aiuta a perdere peso senza stravolgere le esigenze nutrizionali.

Latte di capra e intolleranze

Anche se in quantità ridotte, anche il latte di capra contiene lattosio per cui chi soffre di intolleranza al lattosio è preferibile che ne eviti l’assunzione. Discorso analogo per chi soffre di allergia al latte vaccino.

La stessa attenzione deve essere mostrata, per scrupolo, da chi ha la necessità di seguire una dieta a basso contenuto di colesterolo.

Elisir di bellezza

Così come il latte d’asina (un tempo il segreto di bellezza di molte donne come Cleopatra, Poppea e Paolina Bonaparte), anche il latte di capra può essere utilizzato anche per la cura del corpo. È particolarmente adatto, infatti, per chi presenta una pelle secca e disidratata o dopo una lunga esposizione al sole.

In casa, utilizzando il burro di capra, è possibile fare una maschera per il viso: basta applicarlo sulla pelle e lasciare in posa per mezz’ora. Una volta risciacquata con acqua tiepida, il risultato sarà sorprendente: la pelle sarà liscia e morbida.

Per approfondire guarda anche: “Osteoporosi”

Leggi anche:
Come riconoscere i sintomi tipici dell'intolleranza al lattosio e qual è l'alimentazione giusta su cui si basa la terapia.
05/02/2018
20/09/2017
TAG: Adulti | Anziani | Benessere psicofisico | Cosmesi | Cuore | Intolleranze | Nutrizione | Pelle | Scienza dell'alimentazione | Stomaco | Salute femminile | Salute maschile
Massimo Canorro
Scritto da:
Massimo Canorro
Giornalista & web content editor