Proprietà e benefici delle mele

proprieta e benefici delle mele
Redazione Paginemediche
Scritto da:
Redazione Paginemediche

Quanta leggenda e storia c'è nella sua genealogia, a cominciare, se pensiamo solo alla cultura occidentale, da quella che Eva porse ad Adamo, per passare a quella che Paride doveva consegnare alla dea più bella, fino a quella che cadde sulla testa di Newton facendogli intuire la legge della gravità.

Ebbene sì, la mela di storie ne ha tante da raccontare ed ha parimenti tanti benefici da distribuire a chi ne fa buon uso. Questo frutto, infatti, praticamente non ha 'controindicazioni', ma apporta enormi benefici a diverse funzioni corporee. Essa non contiene grassi né proteine, ha pochissime calorie e ancora meno Zuccheri.

D'altro canto, però, è ricca di sali minerali e vitamine del gruppo B, quindi fa bene alle mucose intestinali e della bocca, previene l'impoverimento di unghie e capelli, combatte la stanchezza e l'inappetenza. Inoltre, le fibre contenute nelle mele aiutano l'Organismo a proteggersi contro gli attacchi esterni. Anche gli acidi citrico e malico contribuiscono al benessere della persona, in particolare dell'apparato digerente, perché facilitano la digestione e mantengono inalterata l'acidità.

I benefici

Di benefici la mela ne porta tanti:

  • innanzitutto, mangiata cruda o cotta, la mela regolarizza le funzioni intestinali, grazie al suo alto contenuto di fibre, mentre cruda ha anche un effetto antidiarroico per l'azione astringente degli acidi;

  • poiché contiene pochissimi grassi e zuccheri, è un alimento perfetto per chi vuole mantenere la linea in quanto ha pochissime calorie ma sazia a lungo, ma anche ai diabetici, perché il fruttosio contenuto nelle mele viene metabolizzato senza ricorrere all'insulina; inoltre, previene il gonfiore di stomaco

  • le mele sono piene di sostanze, dette polifenoli, che contrastano l'azione dei radicali liberi nell'organismo, causa dell'invecchiamento cellulare; inoltre, ha anche il pregio di abbassare il contenuto di colesterolo nel Sangue grazie alla pectina, salvando così vene e apparato cardiocircolatorio in generale;

  • l'azione benefica delle mele pare si estenda anche al campo della prevenzione oncologica, grazie al contenuto di flavonoidi e alla vitamina C, combattendo così il danno ai tessuti ad opera dei radicali liberi; inoltre, da alcuni studi, è emerso che la pectina fermentando nell'organismo, produce acido butirrico, una sostanza che i ricercatori stanno studiando come elemento essenziale nei farmaci antitumorali.

Come mangiarle

Il modo migliore per gustarle al meglio è mangiarle crude, meglio se con la buccia, non necessariamente come frutta da fine pasto; esse, infatti, posso essere anche servite come contorno accanto a carne di selvaggina o di maiale. Le mele possono essere mangiate anche cotte, ad esempio al forno con burro e zucchero, ma se proprio dovete cuocerle non dimenticate la famosa torta di mele. Infine, le mele si possono gustare anche sotto forma di confettura o gelatina.

Leggi anche:
Uno stile di vita sano riduce le possibilità di essere esposti ad alcune malattie e agli effetti dell'invecchiamento dovuti ai radicali liberi.
02/02/2017
29/05/2013
Redazione Paginemediche
Scritto da:
Redazione Paginemediche