Sicurezza in cucina

sicurezza in cucina

La cucina è l'ambiente più 'abitato' della nostra casa e, paradossalmente, anche il più pericoloso. Sono tanti i rischi che si possono correre se la distrazione prende il sopravvento: gas, elettricità ed elettrodomestici, prodotti detergenti e posate rendono la cucina un vero e proprio 'campo di battaglia'. Basta, però porre attenzione a qualche piccolo accorgimento per renderlo un ambiente del tutto sicuro.

I consigli che seguiranno valgono per tutti, ma a maggior ragione se si hanno bambini in casa, poiché sono loro le persone più a rischio, non riuscendo a valutare la pericolosità delle azioni che si apprestano a compiere.

Se si possiede una cucina nuova, questa avrà senz'altro una valvola che automaticamente interrompe l'erogazione del gas quando la fiamma si spegne; negli altri casi, sarebbe bene che ci si fornisse in tal senso, in modo da essere al sicuro da eventuali fughe.

È importante tenere fuori dalla portata dei bambini tutti gli utensili pericolosi alla loro incolumità: coltelli, forchette, sacchetti di plastica, detergenti per la casa e per l'igiene personale, stoviglie di ceramica e/o vetro, alcolici e quant'altro possa rappresentare in generale un pericolo per i più piccoli; in genere, è preferibile no lasciare mai un bambino da solo in cucina per molto tempo.

Quando si cucina, è sempre bene evitare di lasciare incustoditi i fornelli, perché l'acqua che bolle potrebbe fuoriuscire e spegnere la fiamma, lasciando uscire il gas; inoltre, potrebbe essere pericoloso per i bambini, che, se alti abbastanza, potrebbero raggiungere la pentola, o ancora peggio le padelle con olio bollente, e provocarsi Ustioni anche molto gravi.

Bisogna fare attenzione anche a ciò che si utilizza mentre si cucina; spesso, rotoli di carta da cucina oppure strofinacci vengono posti troppo vicino ai fuochi, provocando fiammate pericolose ed incendi; lo stesso vale per gli abiti: nastrini, volant e maniche svasate sono un'ottima preda delle fiamme della cucina a gas e rischiano di far prendere fuoco il capo che indossate.

È consigliabile anche verificare sempre l'integrità degli elettrodomestici in cucina (ma questo vale anche per il resto della casa) e dei cavi di Alimentazione; eventualmente, è consigliabile portare l'apparecchio in riparazione o, se ancora in garanzia, in sostituzione dal negoziante.

È bene evitare l'uso di fili volanti, perché potrebbero favorire cadute o perché, se passano sui fornelli, potrebbero andare a fuoco; è sempre meglio farsi installare più prese lungo il piano di lavoro.

Bisogna sempre evitare di utilizzare gli elettrodomestici, soprattutto il ferro da stiro o altri piccoli elettrodomestici, a piedi nudi o con mai e/o piedi bagnati; il rischio di folgorazione è sempre in agguato in questi casi; va anche messo a norma l'impianto elettrico, con un salvavita che possa ridurre al minimo eventuali episodi del genere.

Se gli elettrodomestici si riscaldano (ad esempio, il ferro da stiro) è sempre meglio lasciare che si raffreddino prima di riporli e di arrotolarvi sopra il cavo di Alimentazione.

Quando si stira, per rabboccare il ferro è sempre utile staccare prima la spina e lasciar raffreddare un pochino prima di aprire la manopola del serbatoio per lasciar uscire il vapore.

10/04/2015
09/10/2013
TAG: Medicina d'emergenza-urgenza | Bambini