Alimentazione durante l'allattamento, cosa mangiare e cosa evitare

Alimentazione durante l'allattamento, cosa mangiare e cosa evitare

Durante l'allattamento l'alimentazione dovrebbe essere quanto più varia e bilanciata possibile. Ecco quali cibi scegliere.

L'allattamento è un periodo delicato sia per la mamma che per il bambino, soprattutto dal punto di vista alimentare: così come durante la gravidanza, la donna dovrà prestare particolare attenzione a quello che mangia. Non sono richieste modifiche sostanziali alla dieta quotidiana e non è necessario mangiare di più per soddisfare i fabbisogni energetici del neonato; l’importante è che sia un’alimentazione equilibrata e varia.

Una donna che allatta ha bisogno di circa 500 kcal al giorno in più rispetto al fabbisogno normale. Aumenta, inoltre, anche il fabbisogno di proteine (40% in più), di vitamina A, B ,C ed E (tra il 25 e il 70% in più, a seconda del tipo di vitamina), di vitamina D, calcio, fosforo e iodio.

Cosa mangiare durante l’allattamento?

La corretta alimentazione di una mamma durante il periodo dell’allattamento include cibi facilmente digeribili e con un alto valore nutritivo:

  • cereali
  • latte e latticini magri, preziose fonti di calcio e proteine
  • frutta e verdura
  • legumi, per aiutare anche la ripresa della funzionalità intestinale
  • carni magre e prevalentemente bianche
  • pesce
  • uova, non più di una volta a settimana
  • olio extra vergine di oliva.

È importante, inoltre, bere molta acqua: almeno 2-3 litri al giorno, possibilmente non gassata, povera di sodio e con una concentrazione di nitrati inferiore ai 10 mg/l.

 

Quali sono i cibi da evitare quando si allatta?

Alcuni alimenti sono controindicati durante l'allattamento perché possono dare un cattivo sapore al latte rendendolo sgradevole per il neonato. È il caso, ad esempio, di:

  • cipolla
  • prezzemolo
  • carciofi
  • broccoli
  • cavoli
  • asparagi
  • spezie molto forti.

Se il lattante è a rischio allergia (cioè almeno un genitore o un fratello soffrono di allergie alimentari) è bene evitare o mangiare con moderazione i cibi potenzialmente allergenici come crostacei e frutti di mare.

Attenzione a caffè e alcolici! La caffeina viene secreta nel latte materno causando iperattività e difficoltà di riposo per cui si consiglia di non bere più di 2 tazzine di caffè al giorno, preferibilmente lontano dalla poppata. è possibile bere anche un po’ di vino o birra, con moderazione, facendo trascorrere almeno tre o quattro ore prima di riattaccare il bambino al seno.

Cerca un medico nella tua città
Specialista in Pediatria e Ginecologia e ostetricia
Prov. di Venezia
Specialista in Ginecologia e ostetricia e Pediatria
Prov. di Genova
Contatta il migliore specialista nella tua città
Specialista in Ginecologia e ostetricia
Pescara (PE)
Specialista in Pediatria
Napoli (NA)
Specialista in Ginecologia e ostetricia
Pompei (NA)
Contatta il migliore specialista nella tua città
Specialista in Pediatria e Gastroenterologia
Milano (MI)
Specialista in Pediatria e Pediatria e Neonatologia
Ripacandida (PZ)
Specialista in Allergologia e immunologia clinica e Pediatria
Castellammare di Stabia (NA)
Specialista in Ginecologia e ostetricia e Oncologia
Carrara (MS)
Specialista in Pediatria e Allergologia e immunologia clinica
Bergamo (BG)