Disturbi gastrointestinali nei bambini

disturbi gastrointestinali nei bambini
Redazione Paginemediche
Scritto da:
Redazione Paginemediche

Sono piuttosto frequenti e generalmente si risolvono spontaneamente nel giro di qualche giorno senza dover prestare cure mediche o somministrare farmaci.

La diarrea

Se il piccolo è già stato svezzato è consigliabile, nei giorni in cui la diarrea è acuta, eliminare frutta, verdura e latte e successivamente introdurre cibi astringenti, come mele e banane, evitando invece alimenti dalle proprietà lassative come pere e spinaci.

È bene che il piccolo beva molto per reintrodurre i liquidi; se possibile è consigliabile fargli bere delle soluzioni saline e somministrargli per qualche giorno dei fermenti lattici.

Stitichezza

difficile diagnosticare una vera e propria stitichezza nel neonato. Il bambino che evacua sei volte al giorno può anche non farlo per due giorni di seguito senza che la sua salute ne risenta. In genere si interviene quando le feci sono dure e il piccolo mostra una sofferenza nell’evacuazione. In questo caso può essere efficace stimolarlo con un microclisma o con un piccolo termometro anale.

Le infezioni gastrointestinali da Rotavirus

Sono estremamente frequenti soprattutto nei mesi invernali e soprattutto tra i bambini che frequentano il nido. Sono caratterizzate da diarrea, associata a Vomito e in qualche caso a lieve febbre.

Non esiste una terapia per curare l’infezione da Rotavirus: la malattia deve fare il suo corso; tuttavia è di estrema importanza riequilibrare la concentrazione di liquidi nell’Organismo del bambino. Il piccolo, infatti, perde moltissimi liquidi a causa della Diarrea e del vomito, quindi è essenziale fargli assumere soluzioni saline e liquidi.

Generalmente i bambini mostrano di voler bere, proprio perché sono disidratati, ma se farlo bere risulta essere difficoltoso può essere necessario fare delle flebo intravenose.

Leggi anche:
L'ispezione delle feci si rivela molto utile per la diagnosi di alcune malattie. La presenza di sangue, ad esempio, è sintomo di allarme.

Seguici su

www.paginemamma.it

19/01/2017
05/10/2010
TAG: Pediatria | Neonati | Bambini | Gastroenterologia | Stomaco e intestino | Infezioni
Redazione Paginemediche
Scritto da:
Redazione Paginemediche