Rischio micosi in palestra: come prevenirla?

rischio micosi in palestra come prevenirla
Redazione Paginemediche
Scritto da:
Redazione Paginemediche

Rinunciare all’attività sportiva all’aperto a causa dell’arrivo della stagione autunnale? Assolutamente no! Le temperature più basse non sono e non possono essere un limite alle sane abitudini e all’esercizio fisico. Per restare in forma anche in autunno, palestre e piscine sono un’ottima soluzione, utile anche per combattere lo stress.

Attenzione, però, ai funghi: ambienti chiusi e riscaldati come palestre o piscine e spogliatoi caldi e umidi creano le condizioni ottimali per lo sviluppo di miceti, comunemente chiamati funghi, ovvero microrganismi patogeni in grado di diffondersi su pelle, peli e unghie dando origine a infezioni dette appunto micosi. Chi fa sport è più esposto a questa eventualità perché alle condizioni ambientali si aggiunge il sudore che, inevitabilmente, si produce quando si consuma energia correndo, nuotando o pedalando.

Il cambiamento di colore della pelle, un arrossamento localizzato nelle parti più a rischio (come le pieghe inguinali o gli spazi interdigitali), insieme ad un’inusuale “umidità” della zona interessata e a una desquamazione della pelle, spesso accompagnata da prurito, sono i campanelli d’allarme che dovrebbero far pensare a una infezione fungina.

I consigli per prevenire e affrontare le micosi

Ecco alcuni accorgimenti per prevenire ed evitare il contagio e la diffusione delle infezioni fungine:

  • nelle docce occorre sempre indossare ciabatte e, in generale non camminare mai a piedi nudi. I miceti, infatti, possono sopravvivere anche per diversi giorni in ambienti umidi.
  • Far traspirare a sufficienza la pelle, soprattutto nelle zone a rischio come l’inguine.
  • Scegliere accuratamente il sapone e lo shampoo. La pelle si difende da funghi e batteri grazie a un invisibile strato di grasso che la ricopre ed è importante non alterarne il PH. Evitare i detergenti troppo aggressivi, che modificano l’acidità della pelle e ne distruggono lo strato lipidico. Il lavaggio deve idratare l’epidermide, oltre che levigarla e renderla elastica.
  • Non scambiarsi asciugamani e non usare accappatoi altrui per evitare la trasmissione dell’infezione.
  • Asciugarsi bene, perché gli ambienti umidi e, quindi, anche la pelle bagnata, possono favorire la proliferazione dei miceti. Ad esempio dopo aver passato molto tempo in acqua la pelle si ammorbidisce eccessivamente ed è proprio in questi momenti che risulta più facilmente attaccabile da ogni tipo di infezione, funghi compresi.
  • Utilizzare calzature realizzate con materiali traspiranti, per evitare accumuli di umidità. Arieggiarle dopo aver praticato attività sportiva può prevenire l’insorgenza delle micosi.
  • In caso di infezione, occorre lavare i vestiti e soprattutto la biancheria intima ad alte temperature.
Leggi anche:
Il piede d'atleta, o tinea pedis, è un'infezione fungina piuttosto comune tra gli sportivi che frequentano regolarmente docce e spogliatoi.
30/10/2017
30/10/2017
Redazione Paginemediche
Scritto da:
Redazione Paginemediche