8 consigli per vincere la paura di volare

8 consigli per vincere la paura di volare
Una su undici milioni. Questa è la probabilità di morire in un incidente aereo, ovvero esiste solo lo 0,00001% di possibilità che qualcosa vada storto quando si è in volo.
Già questi due semplici ma significativi dati dovrebbero bastare per dare una mano a chi soffre della paura di volare ma sappiamo che non è così, ecco perché è utile dare una serie di consigli per affrontare al meglio un viaggio in aereo, fondamentale per raggiungere luoghi altrimenti impossibili da vedere.
 

Le statistiche

Eppure, il primo modo per rassicurare è la consapevolezza che l’aereo è il secondo mezzo più sicuro di trasporto. Qual è il primo? L’ascensore!

Un’altra statistica, infatti, racconta che quando si vola in un Paese sviluppato, le probabilità di morire in un incidente è di una su 30 milioni. Non vi convince ancora? Beh, che ne dite del dato di uno su 5.000 che si ferisce alla possibilità di morire in un incidente stradale? O di una probabilità su 3 milioni di restare uccisi da un’intossicazione alimentare? Inoltre, rispetto a morire in aereo, c’è più probabilità di lasciarci le penne a causa di un morso di un serpente, di un fulmine e di cadere perfino dal letto.


Per approfondire guarda anche: “Viaggiare in salute“



Durante il volo

Quando si è in aereo e si ha paura, si fa attenzione a ogni movimento: perché va così veloce? perché sento in maniera diversa? perché l’ala sembra strana? Insomma, quando non si conosce ciò che davvero sta accadendo, l’istinto porta subito a pensare alla peggiore delle ipotesi.

In realtà, bisogna sapere che:
  • L’aereo ha bisogno di raggiungere una certa velocità prima che possa decollare. Una volta in aria, non si noterà l’andamento del velivolo.
  • Quando l’aereo va verso su o giù, le orecchie risentono del cambiamento della pressione dell’aria.
  • Alcune parti dell’ala devono muoversi: è normale.
Una delle situazioni più terrificanti per gli aeromobili coincide con la turbolenza. Questa si verifica quando un aereo vola da una zona di bassa pressione verso una alta ed è come guidare un’auto su una strada rocciosa. Solo in rarissime occasioni la turbolenza provoca lesioni e di solito perché i passeggeri non indossavano le cinture di sicurezza o a causa di bagagli finiti in testa. Un pilota, invece, non è mai stato ferito a causa di una turbolenza.

Altra paura riguarda la possibilità che, da un momento all’altro, si possa aprire la porta dell’aereo: una volta raggiunta l’altezza di 9.000 metri, ci sarà un bel po’ di pressione che la terrà chiusa, per aprirla ci vorrebbe un uomo con la forza dell’Incredibile Hulk.
 

8 suggerimenti per controllare la paura di volare 

È il momento di dare qualche consiglio utile per restare calmi in aereo.
  1. Non nascondere la paura. Va comunicata all’assistente di volo quando si sale a bordo dell’aereo e ai passeggeri accanto, così da avere il supporto necessario in caso di bisogno.
  2. In caso di turbolenza, non irrigidirsi ma lasciate che il corpo oscilli insieme all’aereo.
  3. Se è possibile, scegliere un posto nella parte anteriore dell’aereo, perché è lì che si avvertono di meno le sensazioni della turbolenza.
  4. Distrarsi, leggendo un giornale, un libro o giocando alle parole crociate.
  5. Evitare caffè o altre bevande contenenti la caffeina perché così non si corre il rischio di aggravare lo stato di ansia. Meglio un bicchiere di vino per calmare i nervi ma senza esagerare.
  6. Ascoltare musica tranquilla e rilassante.
  7. Evitare di approfondire le notizie di disastri aerei: è importante essere informati ma quanto basta.
  8. Respirare profondamente.
 
Leggi anche:
La paura di volare può sfociare in veri e propri attacchi di panico. Uno psicologo e farmaci specifici possono aiutare a diminuire l'ansia.
10/08/2016
09/08/2016
TAG: Salute in viaggio | Psicologia | Salute mentale