Buongiorno. Mia nonna ha 80 anni, soffre di diabete mellito di tipo II che spesso a digiuno raggiunge valori di 140-150 e prima di pranzo anche di 193-200, valori che però tendono a diminuire dopo pranzo e dopo cena in seguito all'assunsione delle medicine anti-diabetiche prescritte dal medico curante. Mia nonna la mattina, poco dopo essersi alzata e dopo aver iniziato le atività quotidiane, manifesta da molto tempo un senso di spossatezza e di confusione mentale, che peggiora quando rimane attiva per più tempo (ad esempio quando svolge i lavori di casa o quando esce a fare la spesa). A colazione assume solo un po' di latte (troppo infatti le provoca senso di nausea) e qualche fetta biscottata, ma fino ad arrivare all'ora di pranzo dice di sentirsi un po' vuota. I sintomi sopra descritti tendono inoltre a ridursi fino a scomparire dopo aver fatto pranzo, e non si ripresentano fino alla mattina seguente. Ci può essere una correlazione tra le due cose? il suo disturbo può essere dovuto a carenze nutrizionali? In seguito ad anemia assume anche una compressa di Tardifer alla mattina ed una alla sera, ed inoltre assume antiipertensivi. Ringrazio per l'attenzione.