Buon giorno dott. volevo presentarle la situazione clinica di mio padre con la quale convive da parecchio tempo ed è causa di allontanamento dal posto di lavoro. E' affetto da: PREGRESSO ICTUS ISCHEMICO IN REGIONE FRONTALE DESTRA CHE HA CAUSATO NEL TEMPO TURBE DELLA MEMORIA DI FISSAZIONE, CARDIOPATIA ISCHEMICA IPERTENSIVA IN SOGGETTO CON PREGRESSA... Leggi di più EMBOLIA POLMONARE E IN T.A.O. CLASSE NYHA 2, SPONDILOSI DIFFUSA CON OSTEOPOROSI MARCATA E RIDUZIONE DI ALTEZZA DI ALCUNI CORPI VERTEBRALI. LIEVE SCOLIOSI A S ITALICA, ARTROSI DELLE MANI, CERVICALGIA. NEUROPATIA DISTRETTUALE DEL NERVO ULNARE NEL TRATTO INFRAGOMITO CON SOFFERENZA NEUROGENA CRONICA, RETINOPATIA IPERTENSIVA 1 GRADO. Mi hanno consigliato di fargli domanda di assegno ordinario di invalidità legge 222/84 che è una prestazione che dura 3 anni e si da a coloro la cui capacità di guadagno sia ridotta almeno di 1/3 in occupazioni confacenti alle attitudini del lavoratore. Può dirmi in maniera generale se con questo quadro di patologie mio padre può ottenerla. Nell' attesa di una gradita risposta porgo distinti saluti.