12-06-2017

Comparsa di formazioni nodulari con attività metabolica

Salve, mia madre già operata per un carcinoma mammario e chemio radio trattata al rachide e in regione retroclaveare sx in corso di terapia con faslodex, ha eseguito in data 12/05/17 una PET con seguente esito. Comparsa di piuttosto intenso accumulo del radiofarmaco in corrispondenza di una nodulazione di verosimile pertinenza linfonodale posta nel mediastino antero-superiore. Presenza di un ulteriore nodulazione metabolicamente attiva nell'arco aortico. Si segnala la comparsa di due piccole nodulazioni poste in sede paratracheale alta poco al di sopra dello sterno. Vorrei sapere come si presenta la situazione se è trattabile e come. In attesa porgo sentiti saluti.

Risposta di:
Dr. Mirco BindiDottore Premium
Specialista in Nutrizione e Scienze dell'alimentazione e Oncologia
Risposta

Gentile Signora, come avranno spiegato a Sua madre. La PET è un esame che permette di identificare le metastasi anche quando queste sono millimetriche e non visibili con altre indagini diagnostiche. La precisione della PET dipende dal fatto che si somministra con una flebo dello zucchero che è stato unito ad un radiofarmaco. Il cancro è ghiotto di zucchero in quanto è la sua fonte principale di energia. Una bevanda zuccherata, un cucchiaino di zucchero, un cornetto alla crema, un dolcetto a fine pranzo sono assimilati dal cancro prima che lo zucchero arrivi alle cellule sane. La PET, nella sua semplicità, gioca sul fatto che una molecola di zucchero prima entra nella cellula del cancro poi in quella sana.

Da quando Sua madre è stata curata sembra strano che nessuno le abbia detto che gli zuccheri semplici e raffinati sono un ottimo integratore energetico del cancro. Se questo è vero, probabilmente non Le è stato detto anche che mangiare tante proteine animali permette alle cellule del cancro di avere a disposizione tutti gli aminoacidi essenziali per costruire nuove cellule maligne. La crescita tumorale rende vane le cure se non si interrompe l’apporto di zuccheri semplici e di proteine nobili. In guerra vince l’esercito che viene rifornito continuamente di polvere da sparo e da cannoni. Affamare il cancro, anziché dare quotidianamente i rifornimenti energetici e strutturali, significa guarire il tumore. In caso contrario la sconfitta è sicura. Cordiali saluti

TAG: Esami | Oncologia | Radiodiagnostica | Tumori