16-01-2006

CPK aumentato

Ho 40 anni, ho una Cardiomiopatia ipertrofica, con un costante aumento del CK mm(circa 500) e un valore del potassio sempre al 3,3 circa. All'ultimo controllo sono stati evidenziati i seguenti valori: sintomi classe NYHA II dispena da sforzi moderati, classe CCS I angina da sforzo intenso; pressione arteriosa 120/90 Frequenza cardiaca 70 bpm (Terapia tenormin 100 mg al di), soffio sistolico eiettivo NO levine, soffio sistolico in decrescendo 1/6 levine; ECG ritmo sinusale, onde Q patologiche a VL, ipertrofia ventricolare sinistra, extrasistole isolate. Spesso mi capita anche a seguito di un piccolo sforzo di avere palpitazioni, affanno e piccoli giramenti di testa. Ho eseguito anche una prova da sforzo, ma l'ho interrotta dopo circa 8 minuti, per dispnea a piccoli giramenti di testa. Gradirei sapere, considerato anche l'eta' se esiste una soluzione chirurgica e in cosa consiste (ho letto che esiste un tipo di intervento chiamato alcolizzazione del setto o qualcosa di simile). Grazie anticipatamente. Luigi.
Redazione Paginemediche
Risposta di:
Redazione Paginemediche
Se la sua cardiomiopatia ipertrofica è ostruttiva (occorre un ecocardio per definire tale aspetto) può consultare un cardiologo presso un centro specializzato per le indicazioni ad alcolizzazione del setto che consente di ridurre una parte dei problemi emodinamici legati alla cardiopatia. L’incremento del CPK richiede una valutazione neurologica per escludere che lei abbia una forma di miopatia sistemica.