13-03-2008

Da circa due anni soffro di tachicardia sinusale

da circa due anni soffro di tachicardia sinusale da stress. Il cardiologo mi ha dato un quarto di atenololo 100mg. E' andato tutto bene (avevo anche la pressione minima alta (90-100) che è migliorata, finchè non mi sono trovata a vivere una situazione di stress forte prolungata (da 7-8 mesi) a seguito della quale la tachicardia è aumentata e il quarto di atenololo non riesce più a "domarla" come prima. Ora, dopo aver preso atenolo, mi viene una forte sonnolenza che mi sta quasi invalidando l'esistenza. L'unica cosa che riesco a fare dopo il lavoro è tornare a casa e stare sdraiata sul letto. Qualunque altra cosa mi riesce faticosa. Prendo molte vitamine e ferro, più iniezioni di Samyr e liposom per tenermi su, ma è tutto inutile. Ho solo bisogno di tanto riposo o c'è qualcos'altro? Ho la tiroidite di Hascimoto (predo 125 gr. eutirox e i valori sono a posto). Assumo anche Angeliq (terapia ormonale sostituiva), ho una infezione vaginale in corso. Sono positiva all'HCV (agli anticorpi, mentre sono negativa all'HCV RNA quantitativa. Le transaminasi sono costantemente basse. Non so più che pensare. Non vivo più. Mi trascino.
Redazione Paginemediche
Risposta di:
Redazione Paginemediche
Risposta
Ovviamente il suo quadro richiede una valutazione diretta del quadro clinico internistico globale più che una definizione di tipo cardiologico stretto.
TAG: Cuore | Malattie dell'apparato respiratorio | Malattie dell'apparato cardiovascolare
er icon on white
Non hai trovato quello che cercavi?
Chiedi un consulto gratuito agli esperti di Paginemediche!