21-07-2006

Dieta chetogenica

Buongiorno, circa un mese fa, ho avuto uno svenimento " improvviso" , dopo aver seguito per circa un mese una dieta chetogenica (contro ogni parere medico, chiaramente). In seguito su consiglio medico, ho abbandonato questa dieta, tornando ad un regime alimentare standard. In un mese di chetogenica ho perso circa 7 Kg. In seguito sembrava tornato tutto a posto fino a Domenica pomeriggio, quando ho avuto un altro collasso simil-convulsivo (chi mi ha visto ha detto che emettevo suoni dalla bocca, quasi tentassi di parlare, e muovevo gli arti).Trasportato al pronto soccorso, sono stato ricoverato per accertamenti, ed ho avuto i seguenti risultati: - Test di Holter: ritmo sinusale regolare. Rara ed isolata extrasistole ventricolare e sopraventricolare - Elettroencefalogramma basale: regolare (quindi che quello che successo non è riconducibile ad attacchi epilettici). - EEG da privazione di sonno: regolare. - TAC cerebrale: regolare. - Elettrocardiogramma: ritmo sinusale regolare. i risultati invece al di fuori della norma sono: - bilirubina totale: 2,9 (premetto però che meno di un mese fa avevo 1,88 e giovedì sera e sabato sera ho "alzato il gomito", ed il mio medico parla di sindrome di Gilbert). - CPK: un mese fa avevo 270 ... subito dopo l'evento dell'altro giorno ho avuto 1020 (infatti mi son dimenticato di dire che lunedì avevo tutti i muscoli contratti che mi facevano molto male), e ieri avevo 850 (quindi in calo) ... Non sapete darmi un'idea?Io non riesco a capire il perchè di questi svenimenti ... e neanche all'ospedale han saputo dirmi il perchè "preciso" ... mi han parlato di nervosismo, stress eccessivo, poco sonno .... Grazie. Matteo.
Redazione Paginemediche
Risposta di:
Redazione Paginemediche
Risposta
La dieta “chetogenica” indica genericamente una dieta ricca di grassi e povera di glucidi. La riduzione degli zuccheri associata a questa dieta si assocerebbe a consumo di lipidi di deposito per produrre glucidi. Naturalmente il contenuto calorico globale deve essere ridotto in modo da favorire la lipolisi. L’ipoglicemia intensa può scatenare una sofferenza metabolica che può associarsi anche a crisi convulsive. Dalla sua descrizione sembra che le convulsioni si sono verificate nonostante che la dieta ricca di lipidi sia stata sospesa. Non è chiaro se continui comunque una dieta ipocalorica. Il consumo di alcool si associa a ipotensione e questa a sua volta può causare disturbi neurologici. L’aumento dei valori di CPK conferma il fatto che si è verificata una crisi convulsiva. Il CPK è un enzima muscolare che può aumentare anche solo per uno sforzo fisico intenso. Circa la causa precisa del suo disturbo restano in piedi diverse ipotesi: neurologica, vasodepressiva, comiziale, etc... Non racconta poi cosa stava facendo prima dello “svenimento” né se questo è stato preceduto da disturbi premonitori. Credo sia utile stabilire col suo medico curante l’iter successivo delle cose da fare.
TAG: Cuore | Malattie dell'apparato cardiovascolare
er icon on white
Non hai trovato quello che cercavi?
Chiedi un consulto gratuito agli esperti di Paginemediche!