Logo Paginemediche
  • Programmi
  • Medici
  • Salute A-Z
  • Per le aziende
L’ESPERTO RISPONDE

Gentile dottore,scrivo per richiederle un parere

Gentile dottore,scrivo per richiederLe un parere in merito alla situazione di mia mamma. Malata di cirrosi epatica,a giugno 2006 è stata ricoverata presso INT di Milano per noduli di epatocarcinoma all'VIII segmento trattati in maniera risolutiva mediante trattamento di chemioembolizzazione.Ad oggi nessun segno di ripresa della malattia,è in cura da un epatologo che alterna screening con esami del sangue+ecografia o tac ogni 3 mesi circa. L'ultimo controllo è stato effettuato in data 28/10/08 il valore dell'alfafetoproteina era di 3,41 (0.00-5.5)e dall'ecografia è risultato tutto invariato,nessun segno di ripresa. Ieri abbiamo ritirato gli esami del sangue per il controllo ecografico che dovrà effettuare in data 11/02/09 e il valore dell'alfafetoproteina è di 4,57 (0.00-5.5) Volevo chiedere se questo innalzamento poteva essere possibile segno di ripresa della malattia.....o se poteva essere in qualche modo imputabile alla cura di Ferrograd (effettuata per l'anemia che mia mamma ha da sempre) e di antibiotici (effettuata per un'urinocultura positiva)che possono in qualche modo aver magari sovraccaricato il fegato facendo innalzare l'alfafetoproteina.Mi scuso fin da ora per la mia ansia e per essermi dilungata e rimango in attesa di un suo gradito e gentile parere in merito,Cordiali saluti.
Risposta del medico
Dr. Massimo De Luca
Dr. Massimo De Luca
Specialista in Gastroenterologia
Il valore che riporta di AFP non è da considerare patologico o un innalzamento significativo rispetto ai precedenti.
Risposto il: 05 Febbraio 2009
Unisciti ad una community di oltre 50mila persone per ricevere sconti esclusivi e consigli di salute dai nostri esperti.
Ho letto l'Informativa sulla Privacy e acconsento al trattamento dei miei dati personali