Logo Paginemediche
  • Programmi
  • Medici
  • Salute A-Z
  • Per le aziende
L’ESPERTO RISPONDE

Ho quarantasette anni e da diverso tempo soffro di

ho quarantasette anni e da diverso tempo soffro di tachicardia in alcuni periodi li avverto molto freguente. prendo il betabloccante che mi ha prescritto il mio cardiologo dice che sono dei stati ansiosi. Vorrei sapere se fare dei controlli più approfonditi. volevo sapere la differenza tra tachicardia e extrasistole
Risposta del medico
Paginemediche
Paginemediche
Do per scontato che il Suo cardiologo abbia valutato correttamente la situazione e già concluso gli approfondimenti prima di passare alla decisione di prescrivere i Betabloccanti. La TACHICARDIA è un termine generico che significa frequenza cardiaca accelerata (oltre i 100 battiti al minuto). Ci sono molte forme di tachicardia e ci sono molti complessi meccanismi che le possono provocare e sostenere. Visto il trattamento e la causa ipotizzata (ansia) credo che nel suo caso si tratti di una semplice tachicardia sinusale reattiva. Si tratta di una semplice accelerazione del normale ritmo cardiaco provocata dalla tensione nervosa. Normalmente la Tachicardia Sinusale è provocata ad esempio dalla attività fisica (durante lo sforzo la frequenza cardiaca deve aumentare), o dalla febbre ….. La EXTRASISTOLE invece è un battito cardiaco in più che può originare in varie parti del cuore e che non rispetta la normale gerarchia del sistema elettrico cardiaco. Nei cuori normali si tratta di banalità benigne ma talvolta fastidiose.
Risposto il: 10 Novembre 2008
Unisciti ad una community di oltre 50mila persone per ricevere sconti esclusivi e consigli di salute dai nostri esperti.
Ho letto l'Informativa sulla Privacy e acconsento al trattamento dei miei dati personali