Search

I medici più attivi

Ultimi articoli

18-09-2006

Informazioni varie

Buongiorno, sono una persona di 38 anni affetta da sindrome di wpw dalla nascita. Non ho mai avuto problemi di alcuna sorta, ho fatto tutti gli esami necessari e disponibili per scoprire la natura di tale sindrome, ivi compreso un esame elettofisiologico intracavitario all'eta' di 18 anni. Trattasi di wpw asintomatico laterale sin per via anterograda (se mi ricordo bene). mai avuto crisi, mai FA, svolgo una attivita' lavorativa abbastanza stressante e faccio poco sport(corsa, bici , nuoto) quando riesco, anche quando era piu' intensa l'attivita' sportiva che svolgevo non ho mai avuto attacchi di qualsiasi natura, pero' mi sono sempre saputo regolare nello sforzo, conscendo la mia situazione. Ogni 2 anni faccio un controllo cardiologico approfondito ed ultimamente ho rifatto una prova sotto sforzo. Devo premettere che l' onda delta non e' mai scomparsa, in nessuno degli esami che ho eseguito( sforzo, procainammide, proafenone...) sia in gioventu' che ora. Non mi e' mai stata consigliata l' ablazione della via preferenziale e non penso di adottare questa soluzione (fino a poco tempo fa non sapevo neanche che esistesse questa possibilita' e a dire la verita' ne ho un po' paura ). Se un giorno dovessi avere problemi dovrei eventualmente considerarla? Se dovessi utilizzare in un futuro, spero remoto, il viagra o sostanze per problemi di tipo erettivo quali sarebbero gli eventuali problemi e/o interazioni con la sindrome di cui sono portatore? e quali le eventali soluzioni? Chiedo scusa per la lunghezza della domanda e per la mancanza di dati a supporto (non ho la documentazione con me e sono all'estero). ringrazio caldamente per le risposte che mi saranno fornite.
Redazione Paginemediche
Risposta di:
Redazione Paginemediche
Risposta
La terapia ablativa della via accessoria alla base della sindrome di Wolf-Parkinson-White e’ risolutiva nel piu’ del 90% dei casi. L’indicazione alla ablazione e’ oggi determinata non dai sintomi che hanno poca rilevanza, ma dalle proprieta’ di conduzione della via accessoria in senso anterogrado. Lo studio elettrofisiologico che Lei ha effettuato orma 20 anni fa deve essere rivisto ed eventualmente dopo parere dello specialista ripetuto se non sono chiare le proprieta’ della via accessoria. Il mio consiglio e’ di eseguire una visita da uno specialista aritmologo perche’ a volte non tutti i cardiologi hanno sempre una competenza specifica su queste patologie ormai relativamente rare.
L’assunzione di Viagra non ha alcuna interferenza diretta con l’eventuale comparsa delle aritmie che potrebbero comparire in chi soffre di S. di WPW
TAG: Cuore | Malattie dell'apparato cardiovascolare
er icon on white
Non hai trovato quello che cercavi?
Chiedi un consulto gratuito agli esperti di Paginemediche!