21-03-2006

Mia madre si è rivolta al p.s. il 26/04/05 per

Mia madre si è rivolta al P.S. il 26/04/05 per Dolore al petto e sensazione di debolezza. E' stata ricoverata ed è stata sottoposta ad esami clinici e strumentali fra cui l'ECG che indicava: ischemia sub-epicardica inferiore. La coronarografia mise in evidenza una occlusione distale di ramo MO e stenosi complicata della coronaria destra dominante. Veniva poi diagnosticato un IMA non Q recente per cui venne messa in atto la procedura PTCA + impianto di STENT medicato al Taxolo sulla coronaria destra. Prescritta terapia con CARDILENE, PLAVIX, METROPROLOLO, TRIATEC, TORVAST, KERITRINA. Poi continuare con CARDILENE e PLAVIX per 12 mesi. Ora, a distanza di 11 mesi registra episodi di dolore al petto, sottoposta a ECG a riposo e sotto sforzo, sono risultati invariati rispetto al momento delle dimissioni. Preciso che mia madre è stata riscontrata come paziente con DISLIPIDEMIA,IPERTENSIONE ARTERIOSA ed era discreta fumatrice, mentre ora si limita a 3/4 sigarette al giorno. Io sono in costante ansia per la possibilità di nuovo IMA e chiedo quale può essere una prognosi a ..X.. anni. Grazie e saluti.
Redazione Paginemediche
Risposta di:
Redazione Paginemediche
Risposta
La mamma ha presentato un piccolo infarto, ed è stata prontamente trattata la malattia di una coronaria (le altre due coronarie sembrano essere sostanzialmente indenni) Sulla base di solo questi elementi la prognosi dovrebbe essere favorevole anche se però sono presenti fattori di rischio quali l’ipertensione la dislipidemia e il fumo che devono assolutamente essere aboliti.
TAG: Cuore | Malattie dell'apparato cardiovascolare