Search

I medici più attivi

Ultimi articoli

14-09-2006

Salve, ho 32 anni e da qualche anno soffro di

Salve, ho 32 anni e da qualche anno soffro di tachicardia con una velocità di 200/220bsm, è nata 4-5 anni fa con una durata di 7 min, si è ripetuta dopo circa 1 anno e mezzo con durata di 30min, e dopo 1 anno e mezzo ancora l'ho riscontrata con una durata di 45min. fatto degli esai tipo ECG, ecocardio ma i risultati erano ottimi. Oggi dopo più di 1anno e mezzo dopo che ho finito di pranzare mi sono appogiato sul letto come avevo sempre fatto, ad un tratto sento come delle spinte sulle spalle e nello stomaco capisco subito che mi stava iniziando una tachicardia e cerco di bloccarla con delle espirazioni, l'ho capito perchè il giorno prima ero in bagno e mentre stavo seduto sono iniziate queste spinte è poco dopo è iniziata la tachicardia che fortunatamente non so perchè è durata poco più di un minuto. Ho letto delle cose su dei libri che dicevano come bloccare la tachicardia tipo il massaggio di Valsalva o al seno carotideo. Ora vorrei sapere siccome sono uno sportivo gioco a calcio vado in palestra e lavoro se queste tachicardie sono pericolose, se questi massaggi sopra indicati sono efficaci, e se posso vivere tranquillamente la mia vita sportiva. Ringrazio tutti e vi saluto.
Redazione Paginemediche
Risposta di:
Redazione Paginemediche
Risposta
Ritengo che il tipo di tachicardia di cui lei è affetto è una aritmia che necessita di essere interpretata con una registrazione da effettuare in corso di crisi. Sarà opportuno anche un esame Holter cardiaco che registra l’ecg per 24 – 48 ore. Se durante l’esame non si registra la crisi, sarà opportuno uno studio elettrofisiologico. Non sono d’accordo su manovre autonome per interrompere la crisi, lo potrà fare solo su consiglio del cardiologo.
TAG: Cuore | Malattie dell'apparato cardiovascolare
er icon on white
Non hai trovato quello che cercavi?
Chiedi un consulto gratuito agli esperti di Paginemediche!