21-02-2006

Salve, mi chiamo claudio ho 29 anni ed ho già

Salve, mi chiamo claudio ho 29 anni ed ho già scritto altre volte mesi fa per consigli sull'attività fisica. Il mio problema di adesso è ke da circa 4 giorni avverto delle extrasistoli, mai avute prima. Premetto ke faccio sport tutti i giorni, prima correvo, poi da novembre faccio cyclette a casa perchè è troppo freddo, poi proprio da questi ultimi 4 giorni (oggi e ieri no) sono tornato a correre causa un guasto della cyclette. la prima extrasist l'ho sentita 4 giorni fa. solo un momento mentre trasportavo dei ferri presi in macchina e per cui mi ero piegato per prenderli(mi sono piegato nn prima di 1-2minuti mi venisse). Ho sentito come se mi mancasse il respiro un attimo dallo Stomaco e una specie di rimbalzo nello stomaco. Non ci ho dato molta importanza. Il giorno dopo niente e invece ieri mi è ricapitato, mi sono alzato dal letto ed avevo molta fame, ho litigato con mia sorella x dei motivi che nn importa descrivere e poi ho deciso di tornare un po' a letto senza mangiare perchè ero troppo arrabbiato. Ho sentito la stessa sensaz quando mi sono sdraiato, allora ho provato a mangiare qualcosa e sono tornato a letto ed ho avuto la stessa sensaz meno intensa. mi sono riaddormentato un po', poi mi sono alzato e di solito vado a fare sport, però ero un po' preocc e allora ho fatto solo un po' di addominali a casa (cosa che comunque faccio spesso). Dopo breve mi sono alzato ed ho visto che mi si era ripresentato questo disturbo. c'è da dire che avevo avuto anche un leggerissimo senso di Rigurgito (appena rialzato dal letto) del cibo mangiato prima di andare a letto. Vabbè, allora decido di fare una passeggiata e mentre mi sto cambiando mi si presentano di continuo e sentendomi i battiti dalla carotide (cosa per me facile facendo sport per controll se faccio progressi di fiato) noto che nel momento che sento quel senso di oppress o mancanza di fiato (che mi porta a fare un respiro intenso per recuperare) la frequenza manca un battito. mi continua finchè nn decido di andare al pronto soccorso (vicino casa) e sento molto freddo in questo frangente (nn so se c'entra qualcosa ma sentivo freddo anche mentre mi cambiavo che mi è successo proprio perchè mi ero spogliato x cambiarmi). Non sudavo alle mani né avevo altri segni d'ansia, ero solo motlo preoccupato. Li mi fanno un ECG dove risulto normale, una visita cardiologa ed un esame del sangue su 3 enzimi cardiaci che ora nn ricordo ma erano tutte ok. mi dimettono quindi. L'indomani vado dal medico che mi dice che sono extrasistoli e possono dipendere da tante cose e comunque nn sono pericolose. Oggi mi sono ricomparse più volte ed ho notato che mi vengono sopratt quando mi piego in avanti e sopratt se sono a stomaco vuoto. Stavo controllando una cosa in forno piegato e ne avrò avute almeno per 5 minuti di seguito. Ho fatto un ecodoppler a maggio scorso ed avevo una lieve insuff tricuspidale e un ecg sottosforzo a novembre dove risultava assenza di sintomi ischemici e media/buona resistenza allo sforzo (anche se mi girava un po' la testa verso la fine oltre ad una normale tachicardia). Feci una gastroscopia 7anni fa perchè soffrivo di gastrite e mi rilevarono una valvola (cardias forse) che nn chiudeva molto bene e poteva dare a volte segni di rigurgito,cosa comunque che nn ho spesso. La gastrite (che prima a stomaco vuoto mi tartassava) ora da circa 3 anni nn mi sembra di averne in modo eccessivo, ho fame come gli altri nn mi prendono crampi particolari o dolori. Ho letto proprio tra queste risposte che potrebbe essere un'ernia iatale, per il fatto che mi compare spesso piegandomi in avanti o comunque avere a che fare con lo stomaco. cosa importante, stasera appunto ho avuto svariate extrasistoli mentre ero piegato in avanti ma dopo mangiato mi piegavo in avanti appunto per vedere se tornavano e non mi sono comparse, non ho insistito tantissimo ma comunque nn venivano facilmente come a stomaco vuoto (vuoto da 7-8 ore). Insomma mi sento tutto più assestato dopo mangiato... mah. Oggi poi ho fatto un'ora di cyclette e a parte la normale tachicardia da sforzo non mi comparivano molto, almeno mi sembra... La mia domanda non è se queste extrasist sono pericolose o no (spero di no ovviamente)ma cosa posso fare per evitarle e perchè mi siano comparse tutte insieme,ripeto non ho avuto particolari stress ma l'unico cambiamento in questi ultimi 3 giorni è stato tornare a correre dopo qualche mese di cyclette e non avevo un grande affanno da spiegare forse uno stress fisico,certo è che faceva freddo e sono anche arrivato a pensare che mi si fosse un po' contratto il diaframma a forza di respirare intensamente aria gelida durante la corsa. Io (dopo che da maggio scorso faccio sport tutti i giorni) sono divenuto bradicardico (circa 55 di frequenza a riposo) ma mi è stato detto che è un segno di protezione per il cuore. Il problema è che sono davvero molto fastidiose e mi sento come una pressione allo stomaco che si propaga per il torace (almeno la parte bassa del torace dandomi questo scompenso ritmico tra l'altro). Chiedo scusa per l'enorme lunghezza della domanda e aspetto con ansia una risposta da parte di voi egregi medici di questo sito. Grazie ancora.
Redazione Paginemediche
Risposta di:
Redazione Paginemediche
Risposta
Le extrasistoli sono aritmie benigne che sono legate a diversi fattori extracardiaci tra cui l’ansia e i disturbi digestivi. Mi pare di aver capito che lei presenta sia ansia che gastrite quindi per risolvere il fastidio le consiglio di curarsi questi disturbi.
TAG: Cuore | Malattie dell'apparato cardiovascolare
er icon on white
Non hai trovato quello che cercavi?
Chiedi un consulto gratuito agli esperti di Paginemediche!