Search

I medici più attivi

Ultimi articoli

Ricostruzione del seno

Il seno è formato soprattutto da grasso e da ghiandole mammarie. Le ghiandole mammarie sfociano nei dotti lattiferi, che li collegano al capezzolo. In gravidanza, le ghiandole mammarie si gonfiano per accogliere la produzione di latte. Le ghiandole mammarie sono anche la sede dove spesso ha origine il tumore del seno. Dopo mastectomia o asportazione chirurgica della ghiandola mammaria, molte donne decidono di sottoporsi a ricostruzione della mammella per ragioni fisiche e psicologiche. A volte, la pelle dove il tumore è stato rimosso, deve essere tirata prima della ricostruzione chirurgica. Questo avviene con l'inserimento di un particolare impianto, chiamato expander, sotto la pelle e il muscolo del torace. L'expander è simile a un pallone, e viene riempito con soluzione salina, lentamente e a intervalli periodici. Quando la pelle è stata adeguatamente tirata, viene effettuato un secondo intervento per togliere l'expander e sostituirlo con un impianto permanente. Tuttavia, in certe condizioni, l'expander può essere lasciato in questo posto per sempre. Un altro tipo di ricostruzione del seno usa pelle sana e muscoli prelevati da un'altra parte del corpo. Un metodo consiste nell'usare una porzione di pelle che è attaccata al muscolo gran dorsale della schiena. Un altro metodo usa parte del muscolo retto dell'addome che viene fatto scivolare nella zona del seno per ricostruire la mammella. Molte donne decidono di sottoporsi anche alla ricostruzione del capezzolo, indipendentemente dal tipo di intervento scelto. La ricostruzione chirurgica del seno può essere effettuata durante la mastectomia, anche se è più frequente che le donne prendano tale decisione un po' di tempo dopo la mastectomia. Queste procedure possono presentare varie possibili complicanze che è opportuno discutere con il medico prima dell'intervento.