Logo Paginemediche
  • Programmi
  • Visite
  • Salute A-Z
  • Chi siamo
  • MediciMedici
  • AziendeAziende
Visita proctologica e anorettoscopia
3 minuti di lettura

Visita proctologica e anorettoscopia

La visita proctologica e l'anorettoscopia sono indispensabili per la diagnosi di patologie dell'apparato genitale maschile, come polipi e prostatiti.
In questo articolo:

Che cos'è la visita proctologica

La visita proctologica consiste in due momenti:

  1. un colloquio tra paziente e Proctologo, in cui il paziente descrive tutti i sintomi per cui ha deciso di consultare lo specialista;
  2. un'ispezione esterna ed interna del canale anale per la Diagnosi delle presunte patologie ano-rettali.

Perché e quando si usa fare la visita proctologica

La visita proctologica è la risposta più rapida ed efficace in presenza di sintomi anorettali (spesso invalidanti) quali dolore, sanguinamento, prurito, comparsa di tumefazioni, secrezioni purulente, alterazioni dell'alvo, ingrossamento della prostata. È indispensabile per la diagnosi della patologia emorroidaria, delle ragadi, del prolasso rettale, del rettocele e di altre patologie rettali. La visita proctologica e l'esplorazione rettale digitale della prostata si esegue anche per la prevenzione di prostatiti e per la diagnosi del tumore della prostata. È bene eseguire una visita proctologica appena compaiono i sintomi, perché questi potrebbero anche essere legati a una Patologia tumorale, e in generale è utile come visita di controllo per la prevenzione dei tumori maschili.

In che cosa consiste e come si esegue la visita proctologica

La visita proctologica consiste nella raccolta di un'accurata anamnesi, nell'esplorazione digitale del canale anale e nell'anorettoscopia. Il paziente che vuole seguire una visita proctologica deve presentarsi dopo essersi sottoposto a un piccolo clistere di pulizia circa due ore prima della visita.
Dopo l’anamnesi il medico effettuerà una visita generale e una esplorazione rettale: delicatamente inserirà un dito nell’ano precedentemente lubrificato. Comunemente il paziente viene fatto sdraiare in posizione fetale (sul fianco sinistro a gambe flesse) oppure viene fotto mettere sulle ginocchia o in posizione ginecologica.

Come avviene l'anorettoscopia

L’anorettoscopia (o proctoscopia) è l’introduzione nel canale anale di un piccolo cilindro di plastica trasparente monouso lungo circa 5-6 cm, detto anoscopio, che permette la visione del canale anorettale (il diametro di questo strumento è poco più di quello del dito; quindi i fastidi sono minimi e, naturalmente, l'esame può essere interrotto qualora non sopportato dal paziente). L'anorettoscopia rappresenta anche una prevenzione del cancro del retto, perché permette di diagnosticare e trattare precocemente polipi ancora asintomatici.
 

Leggi anche:
La prostatite è un’infiammazione della prostata, la piccola ghiandola della grandezza di una noce presente nella vescica degli uomini.

Per approfondire guarda anche "Emorroidi"

L’hai trovato utile?

Condividi

Iscriviti alla newsletter di Paginemediche
Unisciti ad una community di oltre 50mila persone per ricevere sconti esclusivi e consigli di salute dai nostri esperti.
Ho letto l'Informativa sulla Privacy e acconsento al trattamento dei miei dati personali