Logo Paginemediche
  • Programmi
  • Visite
  • Salute A-Z
  • Chi siamo
  • MediciMedici
  • AziendeAziende
Cosa cambia nella donna con la menopausa: la Giornata Mondiale
4 minuti di lettura

Cosa cambia nella donna con la menopausa: la Giornata Mondiale

Porte aperte in oltre 100 presidi italiani in occasione della Giornata Mondiale sulla Menopausa 2017 con visite gratuite, seminari e incontri informativi.
In questo articolo:

La Giornata Mondiale della Menopausa (World Menopause Day), che si celebra oggi 18 ottobre, è un’occasione per informare le donne in merito ai disturbi e ai cambiamenti a cui possono andare incontro durante la menopausa. Ragioni per cui nel corso dell’appuntamento, l’International Menopause Society chiama a raccolta le nazioni affinché le donne che si accingono a spegnere 50 candeline – e dunque si affacciano alla menopausa – possano essere maggiormente sensibilizzate.

Da uno studio dello stesso IMS, infatti, è emerso che le donne in menopausa hanno forti limiti a parlare dei propri problemi intimi, anche laddove la situazione diventa fastidiosa (8 donne su 10 sorvolano sul tema anche col proprio medico).

Durante la Giornata Mondiale della Menopausa i professionisti di vari ambiti della salute si sono offerti di promuovere una serie di iniziative per sostenere e sensibilizzare le donne che attraversano, non con semplicità, questa fase di cambiamenti. Sul portale “bollinirosa.it” è possibile trovare tutte le strutture, divise per regione e città, che aderiscono all’iniziativa e propongono, gratuitamente, visite specialistiche, distribuzione di materiale informativo, seminari e incontri informativi, desk di sostegno.

Giornata Mondiale della Menopausa: i servizi di consulenza telefonica

L’ISC - Istituto di Sessuologia Clinica a Roma cercherà di fornire il proprio contributo attraverso un servizio di consulenza telefonica, attivo da oggi fino al prossimo 20 ottobre dalle 13.00 alle 19.00. Anonimo e gratuito, il servizio è gestito da consulenti psicologi con una formazione in sessuologia, ai quali è possibile rivolgere qualsiasi tipo di domanda, chiedere delucidazioni, esporre riflessioni e dubbi.

Non bisogna mai dimenticare, infatti, che la menopausa rappresenta una naturale fase della vita, che ciascuna donna vive in modo soggettivo, seppur in presenza di cambiamenti condivisi da tutte.

I cambiamenti della donna in menopausa

Come vive una donna a 50 anni? Lo spiega molto bene il film “Ci vuole un gran fisico”, una commedia femminile con protagonista la divertente Angela Finocchiaro. Ma il passaggio dall’età adulta a quella matura è molto più delicato e complesso rispetto alla finzione cinematografica. Nello specifico, è definito “climaterio” ed è contraddistinto da differenze importanti tra il genere femminile e quello maschile.

Per le donne, infatti, questo cambiamento si definisce con l’inizio della menopausa, che avviene in media attorno ai 50 anni. Caratterizzata dalla cessazione progressiva di produzione degli estrogeni – che determina la fine del ciclo mestruale e l’arresto della funzione riproduttiva – la menopausa spesso viene considerata, a torto, una fase della vita non a rischio. Da parte sua la donna deve attuare una sorta di riadattamento a una nuova condizione, considerando che tale rilevante cambiamento a livello endocrino si ripercuote su aspetti neuropsichici e modificazioni fisiche (senza dimenticare la sfera relativa alla sessualità individuale e di coppia, che inevitabilmente ne risente).

Per quanto riguarda le modificazioni fisiche, si riscontrano più comunemente:

  • un’instabilità vasomotoria, motivo di vampate di calore e sudorazioni nel corso della notte (frequenti anche i disturbi del sonno);
  • un insieme di cambiamenti metabolici che riducono la massa ossea con la probabilità di portare sia ad osteoporosi sia a malattie cardiovascolari;
  • l’atrofia di alcuni tessuti (“estrogeno-dipendenti”) come la vulva, la vescica o la vagina che può provocare infiammazioni e infezioni.

Per approfondire guarda anche: “Menopausa: il falso mito dell'aumento del peso”

Leggi anche:
Per la cura dell'igiene intima femminile è opportuno lavarsi almeno due volte al giorno con prodotti rispettosi della flora vaginale.

L’hai trovato utile?

Condividi

Iscriviti alla newsletter di Paginemediche
Unisciti ad una community di oltre 50mila persone per ricevere sconti esclusivi e consigli di salute dai nostri esperti.
Ho letto l'Informativa sulla Privacy e acconsento al trattamento dei miei dati personali