Search

I medici più attivi

Ultimi articoli

17/12/2015

La sigaretta elettronica provoca maggiore dipendenza e ansia di quella tradizionale

la sigaretta elettronica provoca maggiore dipendenza e ansia di quella tradizionale

Dipendenza e ansia per i fumatori delle e-cig

A chi crede che la sigaretta elettronica serva per smettere di fumare e combattere la dipendenza risponde uno studio, condotto dell'Istituto di neuroscienze del Consiglio nazionale delle ricerche (In-Cnr) e dall'Università Statale di Milano, che ha concluso che chi fuma l'e-cig sviluppa una dipendenza ancora maggiore alla nicotina e l'effetto ansiogeno provocato dalla sigaretta è superiore rispetto a quello causato dalla sigaretta tradizionale.

I ricercatori italiani, coordinati da Cecilia Gotti, Francesco Clementi e Mariaelvina Sala, hanno concentrato la propria attenzione sugli effetti neurochimici e comportamentali sui topi legati all'esposizione al vapore di nicotina e li hanno confrontati con quelli ottenuti dalle sigarette tradizionali.

Come illustrato sulle pagine dell'ultimo numero della rivista European Neuropsychopharmacology, l'esposizione ai vapori della nicotina della sigaretta elettronica portava ad un maggiore livello di ansia e a comportamenti compulsivi, una serie di manifestazioni legate alla dipendenza e all'astinenza ce perduravano anche per lungo tempo.

Leggi anche:
Tabacco e sigarette, approvato il decreto: è giro di vite
Il Consiglio dei Ministri ha dato il via libera al decreto che recepisce la direttiva UE sul tabacco e ha approvato una serie di misure finalizzate a combattere il tabagismo e il fumo passivo.

La sigaretta elettronica non è innocua

I dati indicano che la sigaretta elettronica non è innocua, che dà una forte dipendenza e che possiede un effetto ansiogeno rilevante. I due trattamenti, con sigaretta elettronica o convenzionale, su un gruppo di topi sottoposto a quantità di nicotina simili a quelle assunte da un fumatore nell’arco di due mesi sono confrontabili tra di loro, sia per quanto riguarda l’assunzione di nicotina sia per il grado di dipendenza che generano, mentre i test comportamentali indicano che l’astinenza acuta da sospensione di sigaretta elettronica è minore rispetto a quella indotta dal fumo ‘normale’, come pure il deficit cognitivo. A fronte di questi dati positivi è stato però riscontrato un maggior aumento dell’ansia e dei comportamenti compulsivi nel caso di sospensione del vapore di sigaretta elettronica, osservabile anche dopo lungo tempo dall’interruzione. Questo indica che nel fumo di tabacco e nel vapore di sigaretta elettronica sono presenti, oltre alla nicotina, composti finora non identificati che possono provocare queste diverse risposte”, spiegano i ricercatori.

Guarda anche "Smettere di fumare per salvaguardare la salute del cuore"

Leggi anche:
Il fumo danneggia il cuore e le arterie, aumentando il rischio di patologie cardiovascolari anche gravi. Smettere di fumare allunga la vita.
TAG: Pneumologia | Polmoni e bronchi | Psicologia | Malattie dell'apparato respiratorio | Apparato Respiratorio | Salute mentale