Scoperta una nuova forma di diabete

Scoperta una nuova forma di diabete

Ricercatori americani individuano in topi magri e anziani una forma di diabete 4.
In questo articolo:

Una nuova forma di Diabete al vaglio degli studiosi

Fino ad oggi si conoscevano tre forme di diabete, ma una scoperta pubblicata su Nature sembra suggerire l'esistenza di una quarta forma di diabete.

A studiare il caso alcuni ricercatori del Salk Institute statunitense che hanno individuato nei topi una tipologia di insulino-resistenza collegata soprattutto all'invecchiamento e del tutto diversa da quella correlata all'obesità.

Tutto è partito da un'idea di Ronald Evans incuriosito dal fatto che un suo amico, anziano e magro, avesse sviluppato l'insulino-resistenza. Insieme al collega Ye Zheng Evans ha analizzato il Sistema immunitario di topi in buona salute, quello di topolini con diabete legato all'obesità e di altri con diabete legato all'invecchiamento.
Quest'ultimo gruppo ha destato particolare interesse perché mostrava elevati livelli di Cellule T regolatore (T-reg) nel Tessuto adiposo (si tratta di cellule che calmano l'infiammazione), mentre questi livelli erano normali nei topi diabetici obesi.

In pratica i topi magri con insulino-resistenza avevano una maggiore quantità di queste cellule nei tessuti adiposi.
Leggi anche:
Conoscere e curare il diabete
Il diabete, una piaga per giovani e anziani: i vari tipi di diabete, le cure, i rimedi. Come convivere con questo disturbo.


Cosa accade in questo caso?

Con l'invecchiamento le T-reg si accumulano sempre di più all'interno dei tessuti adiposi fino a quando sono talmente numerose da bloccare del tutto l'infiammazione, ciò porta a un accumulo di deposito di grassi in organi come il fegato e alla fine si arriva all'insulino-resistenza.

Un'ulteriore prova del ruolo giocato dalle T-reg nello sviluppo di questa forma di diabete 4 è data dal fatto che i ricercatori hanno inibito l'accumulo di T-reg nei tessuti adiposi andando a colpire con degli anticorpi  una molecola per loro indispensabile e hanno osservato che si ristabiliva la corretta sensibilità all'insulina.

Per approfondire guarda anche: "Il diabete e la sindrome metabolica"
 
Cerca un medico nella tua città
Specialista in Endocrinologia e malattie del ricambio e Pediatria
Bari (BA)
Specialista in Endocrinologia e malattie del ricambio
Napoli (NA)
Contatta il migliore specialista nella tua città
Specialista in Endocrinologia e malattie del ricambio
Catania (CT)
Specialista in Endocrinologia e malattie del ricambio e Medicina del lavoro
Carmignano (PO)
Specialista in Diabetologia e malattie del metabolismo e Endocrinologia e malattie del ricambio
Roma (RM)
Specialista in Endocrinologia e malattie del ricambio
Avellino (AV)
Specialista in Endocrinologia e malattie del ricambio
Santa Maria Capua Vetere (CE)
Specialista in Endocrinologia e malattie del ricambio e Diabetologia e malattie del metabolismo
San Vito dei Normanni (BR)
Specialista in Endocrinologia e malattie del ricambio e Diabetologia e malattie del metabolismo
Roma (RM)
Specialista in Medicina interna e Endocrinologia e malattie del ricambio
Roma (RM)