Cellulite: cause e rimedi

cellulite cause e rimedi

Che cos’è la cellulite

La cellulite, un incubo per molte donne che ci convivono, chi più chi meno, in maniera piuttosto conflittuale. Molti credono che sia solo un problema estetico, mentre in realtà è una vera e propria patologia o disfunzione, che colpisce la parte più profonda della nostra pelle, l'ipoderma, in cui si trovano soprattutto tessuti adiposi.
La cellulite non è quindi solo un problema estetico, bensì una vera e propria malattia, e la forza nello sconfiggerla sta essenzialmente soprattutto nella prevenzione.

Tipi e stadi della cellulite

Vengono riconosciuti essenzialmente quattro stadi di evoluzione nella formazione della cellulite, provocati da altrettante alterazioni delle strutture di cute e sottocute.

  1. Cellulite adiposa: l'alterazione concerne il Tessuto adiposo; questo tipo di cellulite è causata essenzialmente da sregolatezze alimentari, dalla costituzione corporea di ciascuno e da una scarsa motilità intestinale. 
  2. Cellulite edematosa: a essere chiamato in causa è il sistema linfatico; questa cellulite viene provocata dalle alterazioni metaboliche, dalla funzionalità intestinale e dalla postura che viene assunta giornalmente.
  3. Cellulite fibrosa-connettivale: c'è una stasi linfatica provocata dall'irrigidimento delle fibre del tessuto connettivale a causa del deposito di zuccheri.
  4. Cellulite interstiziale: è considerata il primo segno dell'inizio di malattie croniche e degenerative.

Segni e sintomi della cellulite

Per capire se la cellulite di cui si è affetti è un semplice inestetismo o una vera e propria malattia, si può cominciare con il guardarsi allo specchio.

Se la pelle esaminata si presenta liscia e omogenea, significa che la cellulite non si è ancora formata in maniera tale da modificare il corpo e la situazione può essere recuperata facilmente con un'appropriata alimentazione, attività fisica e massaggi con creme specifiche. Spesso, capita che si confonda un basso tono muscolare con la cellulite; in questi casi, basta fare dello sport costantemente per eliminare il problema.
Quando, invece, nelle zone osservate appaiono micronoduli, rilievi e avvallamenti, la cellulite inizia a incidere sul tessuto. È il momento di agire prima che la situazione degeneri. Un programma di prevenzione veramente efficace vede l'interazione di attività fisica costante, massaggi mirati, eventualmente delle cure termali specifiche.
Se i noduli sono visibili anche senza pressioni sulle zone interessate, allora la cellulite è già in stadio piuttosto avanzato. In questa fase, oltre ai noduli, si possono presentare delle placche rigide sottopelle e Dolore se la parte viene pizzicata. Nei casi più gravi, il dolore si sente anche soltanto facendo una lieve pressione.

Cause e fattori di rischio della cellulite

Ci sono dei fattori che predispongono alla formazione della cellulite; uno di questo è l'esistenza di squilibri ormonali. La pubertà, il menarca, eventuali cicli irregolari, la gravidanza ed infine la menopausa sono tutte condizioni che alterano l'equilibrio ormonale stabilito: gli estrogeni aumentano ed influenzano il buon funzionamento della tiroide, che frena la sua marcia e favorisce la formazione di cellulite.
Anche una cattiva circolazione può essere il passo iniziale della strada che conduce alla cellulite, poiché è proprio la buona microcircolazione che nutre le cellule adipose ed assicura il loro buon funzionamento; se questa degenera, anche il tessuto circostante degenera con lei. Elementi esterni possono incidere sulla insorgenza di questa malattia: le scarpe con i tacchi a spillo, i jeans troppo attillati o in generale, vestiti troppo aderenti, insomma tutto ciò che ostacola una perfetta circolazione può nascondere le insidie della cellulite.

Che cosa fare in caso di cellulite: i rimedi contro la ritenzione idrica

I rimedi contro la cellulite sono molteplici e danno più risultati se combinati tra di loro. Sicuramente la cellulite va combattuta, innanzitutto, con uno sport adeguato. L'attività fisica riattiva la circolazione ed elimina il pannicolo adiposo, permettendo così un riassorbimento degli edemi ed un buon ritorno alla normalità. Preferite sport che coinvolgano tutti i muscoli e che migliorino la circolazione, come, ad esempio, la bicicletta (anche quella da camera), il nuoto e la corsa; evitate, invece, gli sport troppo impegnativi, come lo sci, il tennis, l'atletica pesante.
A questo va aggiunta una buona dieta, se si è in sovrappeso o si è obesi, un massaggio drenante, magari operato con qualche crema particolarmente efficace contro la cellulite.

Vuoi ricevere consigli personalizzati per combattere la cellulite?

Paginemediche mette a disposizione consigli e strumenti personalizzati per aiutarti a scegliere cosa mangiare e cosa fare per avere uno stile di vita più salutare e combattere la cellulite. Inoltre, registrandoti, avrai la possibilità di chiedere un consulto gratuito ai medici e nutrizionisti presenti sulla piattaforma. Per iniziare, calcola il tuo indice di massa corporea con lo strumento che trovi di seguito e scopri la tua Area Personale.

Cellulite: quando è necessario rivolgersi ad uno specialista?

Nei casi più gravi, è bene rivolgersi a uno specialista, che saprà indicare la terapia migliore e più adatta al tipo e allo stadio di cellulite che si presenta. Solitamente, vengono prescritti massaggi di drenaggio linfatico, mesoterapia, associati ad attività fisica (nuoto, cyclette, corsa, ecc.) e dieta nel caso di persone sovrappeso. Ma ci sono anche altre soluzioni, solitamente più adatte per chi ha dei cuscinetti localizzati e non troppo estesi.

  • Crioscultura: è una metodica che utilizza due cilindri di ghiaccio per far penetrare in profondità i farmaci anticellulite. Non ha controindicazione, tranne nei casi di malattie cutanee e leviga la pelle eliminando la pelle a buccia d'arancia. Il freddo utilizzato serve ad evitare che i farmaci siano immessi in circolo grazie alla riduzione del flusso sanguigno nel derma sottocutaneo della parte interessata. Si appoggia sulla pelle della paziente una piastra collegata ad un erogatore di corrente e si fa scorrere il primo ghiacciolo sulla zona da trattare; il primo ghiacciolo contiene acido ialuronico ed è essenziale per lasciar passare i farmaci anticellulite contenuto nel secondo ghiacciolo. Grazie a questa tecnica i farmaci vanno a depositarsi in maniera mirata nella zona sottocutanea da trattare senza disperdersi nel resto del corpo. Alla fine della seduta viene applicata una maschera a base di collagene, camomilla e flavonoidi.
  • Endermologie: è un trattamento condotto grazie ad un macchinario collegato ad un computer, dotato di due rulli mobili che passano sul corpo della paziente comprimendo la superficie cutanea. Questo trattamento ha un effetto stimolante, drenante e vascolarizzate. Va effettuato da un fisioterapista accreditato per evitare che, nelle mani sbagliate, il trattamento faccia danni.
  • Liposcultura e microscultura: la liposcultura è l'evoluzione di ultima generazione della vecchia liposuzione, grazie all'intervento mininvasivo. Si effettua in Anestesia locale e può migliorare l'aspetto di glutei, cosce, ginocchia, fianchi, addome e mento. Più efficace la liposcultura vibroassistita, grazie a cui il grasso viene sciolto con la vibrazione di un apparecchio ad aria compressa. La microscultura si esegue in anestesia locale e consente al chirurgo estetico di valutare, insieme alla paziente, direttamente sul campo il risultato da ottenere poiché la paziente è in grado di mettersi in piedi anche durante l'intervento per consentire al medico di guardare e calcolare ciò che ancora va fatto. L'intervento dura circa un'ora e mezza e alla fine vengono applicati dei cerotti spugnosi da togliere dopo una settimana.
01/06/2018
13/11/2013
TAG: Adulti | Apparato circolatorio | Arti inferiori | Cosmesi | Giovani | Malattie della circolazione | Medicina generale | Pelle | Salute femminile