I consigli per conservare i cosmetici in estate

i consigli per conservare i cosmetici in estate
Mara Pitari
Scritto da:
Mara Pitari
Giornalista & web content editor

Creme, make up, lozioni per la pelle e per i capelli: con le alte temperature estive i cosmetici potrebbero deteriorarsi. Senza contare che tra giugno e settembre, complici l’abbronzatura e il caldo, molti prodotti come fondotinta o le creme grasse vengo usati poco o non vengono utilizzati affatto, in attesa del ritorno del fresco. Lasciare i flaconi aperti e alla luce non è una buona soluzione. I cosmetici, soprattutto quelli di origine naturale e senza conservanti, rischiano di diventare dannosi per la pelle.

Una buona regola generale è di non tenere un prodotto aperto per più di dieci mesi o un anno al massimo e di posizionarlo sempre lontano da fonti di calore e dall’esposizione diretta ai raggi del sole. Come conservare allora al meglio i prodotti in estate?

Trucchi e cosmetici in estate: come conservarli senza rischi?

Le creme. Non tutte le creme per il corpo e per il viso vanno bene per tutte le stagioni. Chi ha la pelle molto secca preferisce usare quasi tutto l’anno le creme nutrienti, che però con il caldo possono rivelarsi troppo grasse e vengono sostituite da prodotti in gel più ricchi di acqua. Se i vasetti sono molto pieni, il prodotto si può ancora conservare in attesa di essere nuovamente consumato, anche qualche mese più in là. Controllare però prima la data di scadenza e il contenuto. Notare anche il cosiddetto “pao” (period after opening) identificato dalla lettera “m” o dal simbolo del vasetto aperto che indicano i mesi in cui possiamo conservare un prodotto dal momento della sua apertura (6 mesi o 12 mesi, per esempio).
Gli oli e le creme a base oleosa non vanno tenuti alla luce: meglio riporli in bottigliette scure o al buio. Il retinolo teme il freddo quindi i prodotti che contengono questa sostanza non vanno messi in frigorifero, a differenza di quelli a base di acido glicolico che invece si deteriorano col caldo e vanno riposti in frigo in estate. Le confezioni vanno sempre chiuse con attenzione evitando che vicino alle aperture si accumuli dello sporco. Prima di toccare il prodotto, specie se per il viso, è meglio lavare le mani per evitare contaminazioni.

Make up. Il caldo non fa bene al trucco: i prodotti che contengono acqua si possono dunque conservare in frigorifero. I make up in polvere, invece, come gli ombretti, i fondotinta compatti, le ciprie e le terre, è meglio tenerli al buio nei loro contenitori ben chiusi. Lavare spugnette e pennelli prima di fare il “cambio di stagione” del make up. In estate tendiamo a sostituire il trucco che usiamo in inverno: sia perché preferiamo tinte più adatte alla stagione sia perché non amiamo l’effetto lucido che il caldo fa assumere ad alcuni prodotti come il fondotinta. Se a quest’ultimo preferite una bb-cream o un prodotto compatto in polvere, conservatene il flacone per l’inverno sigillandolo con un sottile strato di pellicola trasparente.

Il profumo. Stesso discorso del make up: se la fragranza che usiamo in inverno, in estate non ci piace più, dobbiamo trovare un modo per conservarlo in attesa della stagione successiva. L’esposizione alla luce del sole può deteriorare il profumo facendone perdere l’intensità se non addirittura peggiorando le sue note olfattive. Dunque anche per i profumi vale la stessa regola degli oli: conservare le fragranze al buio le preserverà per altri mesi senza far subire loro eccessive variazioni.

Naturalmente, al termine della stagione estiva, le stesse procedure di conservazione vanno replicate con i cosmetici che non useremo nei mesi a venire come creme solari e prodotti per il mare.

Leggi anche:
Il bisabololo è un alcol naturale dalle proprietà calmanti, lenitive e antibatteriche, amico della pelle e del cuoio capelluto. Ecco come utilizzarlo.
08/08/2018
10/08/2018
TAG: Abbronzatura | Adolescenti | Adulti | Anziani | Capelli e peli | Cosmesi | Dermatologia e venereologia | Estate | Giovani | Olfatto | Pelle | Prevenzione | Salute femminile | Viso
Mara Pitari
Scritto da:
Mara Pitari
Giornalista & web content editor