Igiene orale e benessere dell'organismo

igiene orale e benessere dell organismo

La malattia gengivale (o parodontale) figura tra le patologie più diffuse, con circa il 70% della popolazione mondiale afflitto da una delle forme ad essa riconducibile. Secondo l'Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS), il 10-15% degli abitanti del pianeta, ossia 600-900 milioni di persone, soffre di una malattia parodontale in forma acuta.


La malattia parodontale: un problema di grande rilevanza non tenuto in adeguata considerazione

 

I Batteri della Placca sono responsabili della malattia parodontale

La placca batterica è formata dal progressivo accumulo di un biofilm di batteri sulla superficie dei denti che, se non adeguatamente rimossi, si infiltrano nelle gengive e nell’Osso di sostegno dei denti. Questi batteri sono responsabili della malattia parodontale che consiste in un’infezione cronica associata ad infiammazioni delle strutture colpite.

 

Quando i danni batterici sono limitati alla bocca
 

  • La gengivite è la forma più lieve di malattia parodontale contraddistinta da arrossamento, gonfiore e sanguinamento spontaneo delle gengive. In questa fase la sintomatologia è ridotta o pressoché nulla e può essere curata con un trattamento professionale e con una buona igiene orale.

 

  • La parodontite è la forma più avanzata della malattia parodontale caratterizzata dalla progressiva formazione di tasche parodontali, recessioni gengivali e perdita di attacco dei tessuti molli e duri di sostegno dei denti. Se trascurata può portare alla perdita dei denti colpiti.

Quando i batteri sconfinano dalla bocca

Studi internazionali hanno dimostrato come la salute della bocca possa avere un potenziale legame con numerose malattie dell’organismo: i batteri del cavo orale, infatti, attraverso la circolazione sanguigna sono in grado di raggiungere tutti gli organi del nostro corpo innescando così pericolose reazioni infiammatorie.

 

Effetti potenziali di una seria parodontite sul corpo

  • Diabete: da 2 a 4 volte
  • Ictus: 2 volte
  • Malattia respiratoria cronica: da 2 a 5 volte
  • Malattie delle arterie coronarie: 2 volte
  • Complicanze relative alla gravidanza: da 4 a 7 volte


Per evitare di scatenare una vera e proprio “reazione a catena” con conseguenze, a volte, molto serie, esiste una fondazione che, insieme alla comunità scientifica, si impegna attivamente da anni nello studio delle relazioni fra le malattie del cavo orale e le malattie sistemiche promuovendo ricerche e simposi incentrati sull’argomento.

Una corretta igiene orale risulta dunque fondamentale non solo per prevenire o curare le malattie del cavo orale, ma anche per migliorare lo stato di salute di tutto il corpo.
 

L’igiene orale è completa se corretta

Per svolgere la sua funzione di prevenzione, l’igiene orale deve essere accurata e completa. Deve, cioè, rimuovere residui alimentari e placca batterica, non solo dalle superfici dentali, ma anche dagli spazi interdentali e dal bordo gengivale.
Per proteggere denti e gengive dalla placca e dai batteri, è importante spazzolare i denti ed utilizzare il filo interdentale quotidianamente, oltre ad adottare ulteriori pratiche come ad esempio recarsi dal dentista con regolarità

Fase 1 - Lo spazzolino
Lo spazzolino non è sufficiente poiché rimuove soltanto il 50% della placca.
Lo spazzolino è uno strumento fondamentale per l’igiene orale ed è tanto più efficace nella rimozione della placca quanto migliori sono le sue caratteristiche. Quasi tutti si spazzolano i denti quotidianamente, ciò nonostante 3 adulti su 4 soffrono di malattie gengivali nella loro vita… Perchè? Lo spazzolino non è sufficiente per una completa igiene orale. Occorre sapere, infatti, che rappresenta solo la prima fase dell'igiene orale.

Fase 2 - Il filo interdentale
L'utilizzo del filo interdentale consente di mantenere sane le gengive e di ridurre la placca che si forma lungo il bordo gengivale. Spazzolino e filo interdentale sono in grado di eliminare fino al 70% della placca. L’utilizzo combinato dei due strumenti rappresenta un notevole miglioramento. Per rimuovere i batteri e i resti di cibo che si accumulano nelle zone dove per lo spazzolino è impossibile arrivare, è fondamentale l'uso del filo interdentale: solo così è possibile raggiungere gli spazi interdentali ed arrivare fin sotto il bordo gengivale.

Fase 3 - La cura personale
Per una corretta igiene orale, è necessario lavarsi i denti, utilizzare il filo interdentale e consultare con regolarità il proprio dentista in modo da valutare un programma personalizzato. Spazzolino e filo interdentale non sono sufficienti per una completa igiene orale. Così come esistono diversi tipi di pelle o di capelli, anche i cavi orali sono differenti e richiedono attenzioni specifiche. Per la cura ottimale delle gengive, si consiglia di consultare il dentista che saprà consigliare prodotti specifici per personalizzare l'igiene orale quotidiana, come sistemi interdentali, dentifrici e collutori.

Per saperne di più visita il sito di Sunstar GUM su www.sunstarGUM.it

 

Con il grant educazionale di sunstrgum

06/08/2015
19/12/2010
TAG: Oftalmologia | Bocca e denti | Occhi | Vista