Carie dentaria: come si presenta e come si previene

carie dentaria come si presenta e come si previene
logo pm circle redRedazione Paginemediche

Che cos'è

La carie è un processo di distruzione dei tessuti duri del dente (smalto e dentina) provocato da batteri.

Tale processo si estende in profondità partendo dalla superficie con progressiva demineralizzazione e successiva dissoluzione del dente.

La Carie deve essere distinta da altre affezioni degenerative dei denti che non avvengono su base infettiva quali l'erosione, l'abrasione, l'usura e la decalcificazione che pure sono caratterizzate dallo stesso fenomeno di demineralizzazione progressiva.

Le varie statistiche riferiscono un' incidenza intorno al 90% della popolazione.

L'età giovanile è decisamente quella più colpita. In condizioni normali, fra i singoli denti appaiono, più soggetti al processo carioso in ordine decrescente, i primi molari, i secondi molari, i premolari, gli incisivi centrali superiori, quelli laterali e i canini.

I soggetti longilinei, rispetto ai brachitipi, sarebbero colpiti per circa il 40% dei casi.

Quali sono le cause?

La carie riconosce una serie di cause che devono essere tutte presenti per innescare il processo:

  • L'organismo ospite, con i suoi denti;
  • I batteri;
  • Il substrato per i microrganismi (ad esempio, lo zucchero).

L'adesione dannosa dei Batteri sui denti non avviene se prima lo smalto non ha acquisito un rivestimento organico ("pellicola acquisita"), sul quale i batteri, grazie alla precipitazione delle proteine salivari, formano la placca dentale o "placca batterica".

A seconda della collocazione della Placca batterica (sopra o sottogengivale) si avrà l'evoluzione verso la carie o verso la gengivite.

È bene ricordare che la placca può anche mineralizzare e trasformarsi in tartaro.

I fattori che favoriscono lo sviluppo della placca batterica sono l'inadeguata igiene orale e le malposizioni dei denti, in quanto risulta più disagevole lo spazzolamento.

Altre condizioni che favoriscono l'attacco dei batteri sono una minore calcificazione dello smalto o una saliva particolarmente densa, fattori, questi, che hanno anche una componente ereditaria.

Come si presenta?

La carie comincia con maggiore frequenza sulle zone più vulnerabili dei denti: superficie occlusale (faccia masticante dei denti), margine gengivale, superficie interprossimale (fra i denti).

Nelle fasi iniziali, la carie, a seguito del processo di demineralizzazione, determinerà un'alterazione del colore dello smalto dal nero al marrone.

A seguito della dissoluzione del tessuto dentale si osserverà un vero e proprio cratere circondato da tessuto dentale dall'aspetto rosa madreperla.

Nelle fasi più avanzate di distruzione si assisterà alla frattura di posizioni della corona del dente che prenderà sempre di più l'aspetto anatomico tipico del dente stesso.

Si può anche assistere ad una reazione ipertrofica della polpa del dente che cresce in maniera abnorme riempendo parte della cavità cariosa.

Evoluzione della carie

Inizialmente la carie comincia sulla superficie esterna del dente (smalto). I batteri presenti nella placca dentale, in presenza di zuccheri, iniziano il processo di demineralizzazione dello smalto attraverso gli acidi prodotti dal loro metabolismo. In questa fase, la carie è asintomatica in quanto lo smalto è un tessuto privo di afferenze nervose.

Il processo carioso invade successivamente la dentina sottostante e generalmente residuano solo delle pareti di smalto non sostenute e quindi molto fragili. Spesso queste pareti si fratturano facilmente sotto il carico masticatorio.

La carie si propaga sempre più vicino alla polpa del dente che inizia ad infiammarsi (pulpite) e ciò determina la comparsa della sintomatologia dolorosa. Questa è evocata da variazioni termiche, cibi dolci o salati e compressione del cibo sul dente. Generalmente il dolore scompare sospendendo lo stimolo. L'intensità del dolore è direttamente proporzionale alla profondità della carie. Se non si interviene terapeuticamente, la carie della dentina avanza e si avvicina alla camera pulpare, determinando la pulpite.

La pulpite è quindi un tipico fenomeno infiammatorio determinato dalla liberazione da parte dei batteri di tossine in prossimità della polpa. Al momento della comunicazione diretta tra cavità cariosa e camera pulpare si verificherà un processo di necrosi. Le sostanze tossiche derivate dal tessuto pulpare necrotico, unitamente alle tossine batteriche, possono fuoriuscire dal forame apicale della radice del dente e venire a contatto con il tessuto osseo.

L'organismo reagisce costituendo una barriera all'avanzamento delle tossine, formando un granuloma apicale, che inizialmente è asintomatico, e quindi rilevabile solo radiograficamente. Se la carica batterica aumenta ancora o diminuiscono le capacità difensive dell'organismo si determinerà l'ascesso periapicale, che invece è molto doloroso e determinerà il tipico gonfiore della faccia.

Problemi associati

Denti necrotici e lesioni periapicali costituiscono un'infezione focale, a causa della possibilità da parte dei batteri o delle loro tossine di entrare in circolo verso un distretto dell'organismo lontano dall'infezione iniziale.

Fra le malattie per le quali il meccanismo dell'infezione focale (malattia focale) è spesso chiamato in causa per chiarire l'insorgenza del quadro morboso, le più importanti sono: malattie reumatiche (artriti, poliatriti croniche), malattie dell'apparato urogenitale (nefriti), malattie dell'apparato cardiovascolare (endocarditi), malattie ematiche, malattie oculari (retiniti, congiuntiviti).

Cosa fare?

Rivolgersi al proprio odontoiatra di fiducia per eseguire dei controlli semestrali.

In base alla propria cariorecettività (ossia la tendenza individuale a cariare i propri denti) valutata dallo specialista, si potranno utilizzare prodotti per l'igiene orale più idonei a proteggere i propri denti e a prevenire l'insorgenza della carie.

Come si previene?

Il metodo migliore per prevenire la carie è rinforzare lo smalto dei denti attraverso il fluoro. Il fluoro è un minerale presente in natura, contenuto in numerosi alimenti e nell'acqua. Questo minerale si è dimostrato efficace nel ridurre l'insorgenza della carie del 40%.

La Fluoroprofilassi (ossia l'utilizzo del fluoro per prevenire la carie) viene eseguita negli Studi Odontoiatrici e domiciliarmente.
Negli Studi si utilizza il fluoro per via topica (generalmente in forma di gel o in soluzione) attraverso delle applicazioni sui denti ripetute nel tempo (generalmente 4 applicazioni ogni due anni).

A casa, la Fluoroprofilassi viene distinta a seconda dell'età del soggetto. Nel bambino (dai 3 ai 12 anni), a seconda delle sue abitudini alimentari, può essere somministrato il Fluoro in compresse masticabili (tali compresse devono essere prescritte dal pediatra o dall'odontoiatra). Nei soggetti in cui il processo di calcificazione dei denti è ormai concluso, si potrà utilizzare il fluoro presente in appositi colluttori.

Sarà sufficiente effettuare degli sciacqui di almeno un minuto due volte al dì ogni sette giorni ed utilizzare un dentifricio contenente fluoro. È bene consultare il proprio odontoiatra o il suo igienista dentale, anche se questi prodotti non necessitano di ricetta medica.

Non dimentichiamo, però, che è la pellicola acquisita (cioè il cibo sciolto nella saliva) la causa inziale di tutti i problemi, per cui è bene non perdere l'abitudine di lavarsi i denti dopo ogni pasto, attrezzandosi, magari, di uno spazzolino portatile o da viaggio.

21/11/2016
20/08/2010