Search

I medici più attivi

Ultimi articoli

Malva: la pianta officinale amica delle pelle

malva la pianta officinale amica delle pelle
Mara Pitari
Scritto da:
Mara Pitari
Giornalista & web content editor

Ha spiccate proprietà emollienti, antinfiammatorie, antiossidanti e allo stesso tempo è delicata e gentile con la pelle, anche quella più sensibile. È la malva, la pianta officinale dai bei fiorellini viola, molto diffusa nelle regioni mediterranee e tra le più utilizzate in erboristeria e cosmetica.

Malva, la pianta amica della pelle da migliaia di anni

La malva selvatica (Malva sylvestris) è una pianta appartenente alla famiglia delle Malvacee ed è diffusa in Europa, Nord Africa e Asia. Il nome deriva dall’omonimo latino “malva” e significa “molle”, grazie alle proprietà emollienti che alla pianta sono riconosciute dai tempi più antichi. Il primo utilizzo documentato appartiene infatti al 3000 a.C. in Siria, dove tracce di malva sono state ritrovate nei denti di resti umani rinvenuti durante gli scavi archeologici. La malva cresce spontaneamente nei prati e nei campi incolti di pianura. I fiori, che assieme alle foglie contengono i  principi attivi, spuntano tra aprile e ottobre.

Malva per la pelle ma non solo: ecco tutti i benefici

La malva ha tante proprietà: grazie alla presenza delle mucillagini e di altri principi attivi (contiene anche potassio, ossalato di calcio, vitamine e pectina), è antinfiammatoria e anti-stipsi e aiuta in caso di gastrite e di colite. È utilizzata anche per trattate le infiammazioni delle prime vie aeree (tosse, faringite, laringite). Il suo potere lenitivo ne fa una pianta perfetta contro le infiammazioni di occhi e bocca (congiuntiviti, orzaiolo, afte, gengiviti).

Ma è soprattutto per le irritazioni della pelle che la malva trova il più ampio impiego in cosmetica. Per uso topico, la pianta è utilizzata per realizzare creme e lozioni contro eczemi, punture di insetti, scottature, orticaria, psoriasi, arrossamenti e bolle. È presente, la malva, anche nei prodotti antietà e quelli per pelli secche o dopo sole. Gli uomini la trovano spesso nei dopobarba. Ma anche i detergenti a base di malva, soprattutto quelli per le parti intime, sono abbastanza diffusi e apprezzati.

Malva, le proprietà della pianta officinale amica della pelle

Antinfiammatoria
Gli estratti di foglie delle foglie e dei fiori della malva aiutano a ridurre arrossamenti e infiammazioni localizzate o croniche. Nello specifico, i prodotti con malva si utilizzano per curare o lenire eczemi, psoriasi, orticaria, brufoli e scottature. Se non si vogliono acquistare preparati, si può trovare sollievo già tamponando la zona interessata, anche più volte al giorno, con un batuffolo di cotone imbevuto di infuso di malva.

Emolliente
La presenza delle mucillagini (le glicoproteine prodotte da alcune piante per trattenere l’acqua) nelle foglie e nei fiori dona alla pelle tanta idratazione e morbidezza. La malva regala un senso di freschezza immediata, per questo è ottima in caso di scottature o punture, riduce la sensazione di prurito e bruciore e viene incontro al bisogno di reidratazione della pelle.

Antiossidante
Molti prodotti anti-age sono a base di malva grazie alle proprietà antiossidanti contenute in diverse parti della pianta e in particolare nei semi. Creme e lozioni proteggono contro l’invecchiamento cutaneo e contribuiscono a mantenere l’elasticità della pelle, anche quando questa è ancora giovane.

Per approfondire guarda anche: “Sole e cura della pelle”

Leggi anche:
L’olio di rosa mosqueta è uno dei più preziosi alleati della pelle del viso: grazie all'acido linoleico combatte rughe, cicatrici e macchie solari.
07/09/2018
24/08/2018
TAG: Abbronzatura | Adulti | Anziani | Apparato Respiratorio | Bambini | Cosmesi | Dermatologia e venereologia | Disturbi gastrointestinali | Farmacologia | Giovani | Infiammazioni | Intestino | Invecchiamento | Medicina alternativa (agopuntura, omeopatia...) | Pelle | Polmoni e bronchi | Stomaco
Mara Pitari
Scritto da:
Mara Pitari
Giornalista & web content editor