Schizofrenia: riconoscere la malattia

schizofrenia riconoscere la malattia

Non è una malattia rara

  • Nel mondo: colpisce 7 persone su mille1,2.
  • In Italia: almeno 245.000 persone ammalate3. Il 54% delle donne ha esperienza diretta (21%) o in famiglia (33%) di malattia mentale4.

È una malattia ad alto impatto

  • Aspettativa di vita: 12-15 anni inferiore alla popolazione generale5.
  • Comorbilità: spesso è presente con altre patologie o disturbi organici o psichici.
  • Impatto: è tra le prime 20 patologie per impatto sociale, personale e familiare6.
  • Spesa sanitaria indotta: assorbe 1,5-3% del budget annuale della Sanità nei paesi industrializzati2.

Alla base, una vulnerabilità genetica ai fattori ambientali

  • Fattori ambientali: abuso precoce di cannabis e di alcool; disagio sociale; immigrazione; età paterna avanzata (tra gli altri) sono come 'il grilletto di un’arma'7,8,9.

Esordisce spesso nell'adolescenza e nella prima età adulta

  • Dai 18 ai 28 anni: periodo di maggiore insorgenza3,10.

È oggetto di pregiudizio e stigma

  • Nei Media nel 74% dei casi, la parola 'schizofrenia' è usata per significare imprevedibilità o doppiezza ('governo schizofrenico')11
  • Stereotipo: le persone ammalate sono spesso considerate violente e pericolose.
  • Schizofrenia e violenza non sono sinonimi: la maggioranza degli ammalati non è violento.
  • Piuttosto, la malattia aumenta la probabilità di subire reati e sfruttamento.12
  • L’inguaribilità è il più dannoso dei pregiudizi: alimenta senso d’Impotenza e perdita di speranza13.

È una malattia come le altre, comprensibile e curabile1

  • È importante che la malattia sia individuata e curata precocemente.1,14,15
  • Un terzo dei casi può riprendersi completamente mentre un terzo avrà bisogno di continuare la terapia3.
  • Ottimismo sulle possibilità di recupero16 funzionale.

La Terapia è multidimensionale e integrata

  • Farmacoterapia - Psicoterapia - INTERVENTI psicosociali e riabilitativi17.
  • Coinvolgimento della famiglia attiva e della comunità: risorse importanti nella cura1.

 

Bibliografia

  1. WHO. Report from the WHO European Ministerial Conference. Geneva 2005.
  2. Cortesi PA, Mencacci3 C, Ferrannini L et al. BMC Psychiatry 2013, 13:98.
  3. ISS SNLG. Linea Guida 2007;14.
  4. 6. Survey ONDa. Settembre 2013; Elma Research.
  5. van Os J, Kapur S. Lancet 2009; 374: 635–645.
  6. Beker AE, Kleinman A. N Engl J Med 2013;369:66-73.
  7. Brown AS. Prog Neurobiol 2011; 93(1): 23–58.
  8. Vilain J, Galliot AM, Durand Roger J et al. Encephale 2013 ;39(1):1928.
  9. Rais M et al. Am J Psychiatry 2008;165(4):490-496.
  10. Gogtay N, Vyas NS, Testa R et al. Schizophrenia Bulletin 2011;37(3):504–513.
  11. Magliano L, Read J, Marassi R. Soc Psychiatry Psychiatr Epidemiol 2011;46(10):1019-1025.
  12. Arango C. Dialogues Clin Neurosci 2000;2(4):392-393.
  13. OdG-FNSI. Carta di Trieste. 2011.
  14. Altamura AC, Bassetti R, Sassella F et al. Schizophr Res 2001;52(12):2936.
  15. Magnani R, Barcella M, Brondino N et al. Prevalenza di sintomi psicotici sottosoglia in una coorte di studenti della scuola secondaria di secondo grado. Bollettino della Società Medico Chirurgica di Pavia 2010;123(2):363-375.
  16. Roder V, Mueller DR, Schmidt SJ. Schizophrenia Bulletin 2011:37(Suppl. 2):S71–S79.
  17. Altamura C. In: AaVv. Manuale di terapia psichiatrica integrata. Il Pensiero scientifico Editore; Roma 2011.
10/04/2015
25/11/2013
TAG: Psichiatria | Salute mentale | Malattie psichiatriche