Qual è la più alta espressione del piacere sessuale? La risposta è semplice: parliamo di orgasmo e in particolare di orgasmo al femminile. Chiamato anche climax o acme, l’orgasmo si manifesta come un’intensa sensazione di piacere fisico e mentale e con un vissuto di abbandono.  

Non tutte le donne, però, sperimentano questo tipo di sensazione. E voi, quanto ne sapete sull’orgasmo? Scopriamo insieme alcuni dei dubbi più diffusi su questo tema.

 

Alla scoperta del punto G: esiste davvero? 

Il punto G è una zona realmente esistente. In realtà si tratta di un’area, chiamata così grazie al suo scopritore – Ernst Gräfenberg, all’interno della vagina nella parete anteriore, abbastanza vicino all’ingresso. Si riconosce perché la sua parete è ruvida, simile al nostro palato.

Il punto G ha anche una posizione strategica: si trova, infatti, dove sono i bulbi e quindi le radici del clitoride.

È vero che una donna può raggiungere più orgasmi durante lo stesso rapporto? 

Una donna può raggiungere degli orgasmi multipli, cioè orgasmi ripetuti o consecutivi che avvengono nel giro di pochi minuti o secondi. Inoltre, una donna può sperimentare vari tipi di orgasmo:

  • clitorideo interno, se avviene attraverso la penetrazione interna;
  • clitorideo esterno, se avviene attraverso la stimolazione esterna;
  • la stimolazione anale;
  • lo squirting, una sorta di eiaculazione femminile.

Quanto dura in media un orgasmo femminile? 

La durata media di un orgasmo femminile è tra i 10 e i 20 secondi, ma è comunque soggettivo. Per un uomo, invece, la durata si riduce dai 3 ai 10 secondi.

È vero che gli uomini raggiungono l’orgasmo più facilmente delle donne? 

Nella sessualità la soggettività conta molto. C'è una differenza tra uomini e donne nel senso che il sistema anatomico maschile è un sistema idraulico con un funzionamento apparentemente più semplice. Questo permette loro di raggiungere con più facilità l’orgasmo, anche se ci sono dei casi un po’ più rari dove l’orgasmo nell’uomo non si presenta (molto raro) oppure i tempi sono più prolungati.

Per una donna è più complicato proprio perché la sua parte anatomica è più complessa. Si possono ottenere vari tipi di orgasmo con stimolazioni differenti quindi è importante per la donna conoscere il proprio corpo e i propri punti di piacere.

Perché a volte è così difficile da raggiungere l’orgasmo?

A volte è molto difficile raggiungere l’orgasmo. Questo perché bisogna analizzare la questione su due punti differenti:

  • dal punto di vista psicologico e mentale, perché una persona potrebbe non lasciarsi andare, non perdere il controllo e quindi non permettersi di provare l’orgasmo;
  • dal punto di vista anatomico, nel senso che il funzionamento della donna è più complesso e tante non hanno la consapevolezza del proprio corpo e del funzionamento e questo è sicuramente un limite per il raggiungimento del piacere massimo.

Altre domande?

La difficoltà a raggiungere l'orgasmo è molto spesso il sintomo di un disagio psicologico. Conoscere se stessi e il proprio corpo è la prima e più importante arma per la ricerca del piacere.

Se cerchi delle risposte ai tuoi dubbi, puoi contattare QUI la Dr.ssa Ligeia Zauli e avviare subito una chat privata.