Search

I medici più attivi

Ultimi articoli

07-12-2000

Alterazione accompagnata da prurito

Mia figlia ha poco più di due anni: dall$età di un anno ha iniziato ad avere un intenso prurito, all$inizio preaddormentamento poi pian piano sempre più spesso fino alla situazione attuale in cui è praticamente costantemente presente, anche se ad intervalli, nel corso della giornata. All$incirca nello stesso periodo inizia a mangiare sempre meno fino ad arrivare a nutrirsi praticamente solo di biscotti ecc. (riguardo ciò secondo me la responsabilità è anche un po$ nostra in quanto abbiamo sottovalutato il problema ). Proviamo a cercare delle allergie ed eseguiamo degli esami ematochimici in cui si evidenzia una situazione epatica scompensata: got, gpt intorno al valore di 110: all$ecografia il fegato appare ingrossato senza altre alterazioni visibili. Ci facciamo seguire dalla sezione pediatrica dell$Ospedale S.Orsola di Bologna. Da Marzo a tutt$oggi eseguiamo una serie di accertamenti clinici, ematochimici sempre più approfonditi, ma non si trova una causa. Comunque le Transaminasi peggiorano (gpt 275), la causa del prurito viene attribuita all$alto valore degli acidi biliari, la bimba alterna periodi in cui è defedata ad altri in cui apparentemente gode di buona salute. Ci viene prospettata una Biopsia epatica ma, miracolosamente all$ultimo controllo le transaminasi ritornano quasi nella norma. Quindi continueremo gli accertamenti. La mia domanda è la seguente: si può far qualcosa per il prurito visto che la bimba ne soffre tantissimo (dimenticavo non dorme quasi più per il prurito), e che la mamma si sta seriamente ammalando anche lei (di esaurimento nervoso)? La Colestiramina ci è stata sconsigliata in quanto altera l$assorbimento dei grassi e può condizionare la Diagnosi (cioè prima dobbiamo scoprire la causa poi possiamo internvenire sul prurito). Molti ci hanno consigliato l$Omeopatia (solo per diminuire il prurito); tra questi ultimi la dermatologa della pediatria dove ha effettuato varie consulenze. Può un rimedio omeopatico interferire col decorso della "malattia" (se di malattia si tratta)? Gli altri rimedi della medicina ufficiale li abbiamo provati tutti. Grazie.
Dr. Fegato.com
Risposta di:
Dr. Fegato.com
Risposta
La sua figliola soffre (o ha sofferto?) di una malattia epatobiliare con aumento degli acidi biliari e degli enzimi sierici epatobiliari.
E' opportuno che continui ad essere seguita presso un reparto specializzato di Epatologia Pediatrica per chiarire la causa e tentare di proporre la terapia più adeguata. Non ci è infatti chiaro se la malattia è ancora in atto con quadri possibili di future pousses (crisi) di colestasi (riduzione del flusso biliare con aumento degli acidi biliari e accentuazione del prurito) o se si è trattato di una malattia risolta (es. epatite acuta virale colestatica; colangite da agente non noto, ecc.). La necessità di una precisa definizione diagnostica viene dal fatto che alcune di queste malattie possono essere progressive (es. colestasi intraepatica familiare progressiva o m. di Byler).
I migliori centri di epatologia pediatrica sono collegati ai Dipartimenti di pediatria di Padova, Pisa, Napoli.
TAG: Epatologia | Fegato | Gastroenterologia | Medicina interna
er icon on white
Non hai trovato quello che cercavi?
Chiedi un consulto gratuito agli esperti di Paginemediche!