Search

I medici più attivi

Ultimi articoli

04-05-2006

Gentile dottore, formulo il quesito per conto di

Gentile Dottore, formulo il quesito per conto di mio padre (età 73 anni) affetto da una vasculopatia generalizzata sclero-ipertensiva, attualmente in cura con enapren 20, aspirinetta, monoket retard. Sottoposto ad intervento chirurgico di legatura della carotide interna dx (nel 1998), tiroidectomia totale (1999) e rivascolarizzazione della carotide esterna sx (nel 2000). Nello scorso mese, ricoverato per calcolosi alla colicisti con screzio pancreatico, è stato sottoposto agli accertamenti cardiologici per una eventuale valutazione chirurgica. L'ecg evidenzia: ritmo sinusale 65 battiti al minuto, segni di cardiopatia ischemica (onde t negative) in vasculopatico, l'ecg sottosforzo denota sottoslivellamento del tratto st, l'ecocardiogramma è negativo e infine la scintigrafia miocardica eseguita sotto stress è negativa. La lastra al torace e la funzione respiratotia nella norma.
Non ha mai avuto infarti e/o angina pectoris. Il cardiologo consiglia di effettuare una coronografia. E' proprio il caso di eseguire un esame cosi' invasivo, considerato che con la scintigrafia risultano assenti segni di ischemia? Grazie anticipatamente per l'attenzione.
Redazione Paginemediche
Risposta di:
Redazione Paginemediche
Risposta
La scintigrafia miocardica negativa è rassicurante. Tuttavia la storia clinica di suo padre, caratterizzata dalla presenza di patologia vascolare in altri distretti, la sua età avanzata e la presenza di segni elettrocardiografici di possibile significato ischemico a riposo e durante sforzo non consentono di escludere con certezza una coronaropatia sottostante, che potrebbe essere sottostimata dall’indagine scintigrafica. La coronarografia in questo caso costituirebbe una valutazione più adeguata.
TAG: Cuore | Malattie dell'apparato cardiovascolare
er icon on white
Non hai trovato quello che cercavi?
Chiedi un consulto gratuito agli esperti di Paginemediche!