A dieta prima delle feste

a dieta prima delle feste

In vista delle festività natalizie, in previsione delle grandi abbuffate e delle golosità alle quali già si sa di non saper rinunciare, molti italiani si sono messi a dieta per cercare di perdere qualche etto prima dei bagordi.

Ma se spopolano regimi dietetici davvero bizzarri (come la 'dieta di Dio' coniata negli States a ridosso del giorno del Ringraziamento che prevede un’Alimentazione esclusivamente vegetariana per 21 giorni di seguito), è meglio seguire una dieta sana e completa dal punto di vista nutrizionale.

Ecco i consigli di Pietro Migliaccio presidente della Società Italiana di Scienza dell'Alimentazione (Sisa): 

  • non abbuffarsi ma mangiare le porzioni abituali;
  • fare la colazione, il pranzo, la cena ed eventualmente due piccoli spuntini di mattina e di pomeriggio;
  • non saltare i pasti;
  • evitare i cibi fritti;
  • eliminare alcolici e superalcolici;
  • concedersi un giorno alla settimana di libertà dalla dieta;
  • evitare le bevande troppo zuccherate;
  • camminare almeno 20 minuti al giorno.

E Migliaccio mette al centro della sua dieta il minestrone, da consumare tre volte alla settimana con 40 grammi di pasta, un cucchiaino d’olio e uno di parmigiano.

Ma come comportarsi a tavola nelle feste natalizie? Prima di tutto assolutamente da evitare la dieta a Natale. Lo dice anche uno dei guru dei regimi alimentari controllati più alla moda, Pierre Dukan, che ricorda come il Natale sia una festa caratterizzata da momenti di gioia e condivisione e non è il momento giusto per mettersi a dieta.

E consiglia 4 modi per mangiare bene a Natale: bere molta acqua così da riempire lo Stomaco, bere alcolici con moderazione (non più di un bicchiere di vino o un sorso di spumante), non mangiare il pane a tavola e fare una passeggiata dopo il pasto così da bruciare i grassi e favorire la Digestione.

Il punto di vista
Biochimica clinica

Una delle strategie da adottare per contrastare i chili che si possono accumulare prima e durante le festività natalizie è senz’altro il controllo ed il bilancio tra le nostre entrate ed uscite energetiche.

A tal proposito, seguendo per ogni giorno di festa una giornata alimentare con un ridotto, ma proporzionato, introito calorico, sarà possibile smaltire le tossine procurate dall’eccesso di grassi, zuccheri, proteine animali, alcool…

Durante queste giornate disintossicanti non dovranno mai mancare frutta, verdura ed ortaggi freschi, cereali integrali, legumi. I vegetali sono un’ottima fonte di antiossidanti indispensabili per proteggere l’organismo dagli attacchi dei radicali liberi, provocati anche dall’eccesso di grassi in circolo; alcuni ortaggi inoltre sono ricchi di composti lipotropi, aventi azione decongestionante sul fegato ed attivante il metabolismo dei grassi.

Per incrementare l’effetto depurativo e ridurre la ritenzione idrica, bisognerebbe limitare il sale da cucina, scegliere vegetali particolarmente ricchi in potassio, quali patate, spinaci, kiwi, pomodori, banane e bere molti liquidi, specie acqua oligominerale. Un lieve ma regolare esercizio fisico - come lunghe passeggiate a passo svelto - è in grado di contrastare fortemente l’incremento ponderale dato dagli eccessi natalizi!

26/02/2016
16/12/2013
TAG: Nutrizione | Scienza dell'alimentazione | Dieta | Inverno | Obesità | Benessere psicofisico