Logo Paginemediche
  • Programmi
  • Visite
  • Salute A-Z
  • Chi siamo
  • MediciMedici
  • AziendeAziende
Pane mezzosale: una novità a vantaggio della salute
3 minuti di lettura

Pane mezzosale: una novità a vantaggio della salute

In Italia il consumo di sale supera i due grammi e mezzo consigliati dagli esperti. Il pane mezzosale è meno salato e più salutare.  

Si chiama pane mezzosale ed è una novità assoluta per gli italiani.

Grazie a un protocollo di intesa siglato tra il Ministero della Salute e la Federazione italiana dei panificatori che prevede la riduzione di almeno il 15% della quantità di sale contenuta nel pane, gli italiani potranno portare in tavola un pane meno salato e più salutare. L’iniziativa è stata presentata nei giorni scorsi e si colloca all’interno di un filone internazionale mirato a ridurre il sale nella dieta.

Da anni, l’Organizzazione Mondiale della Sanità ha inserito la riduzione del sale tra gli obiettivi per la prevenzione delle malattie non trasmissibili e anche il Ministero della Salute Italiano ha seguito questa indicazione.

Il progetto denominato “Buone pratiche sull’alimentazione: valutazione del contenuto di sodio, potassio e iodio nella dieta degli italiani” è giunto alla conclusione della sua prima fase e i risultati sono stati presentati in occasione di un recente convegno  sul tema dell’abuso di sale, obesità e ipertensione.

Secondo le Linee guida Inran il limite massimo di sale giornaliero è di 2,4 grammi al giorno, ma i primi dati emersi dal progetto di ricerca, che per ora ha censito nove regioni italiane, fotografano una realtà del tutto diversa: gli uomini consumano in media 11 grammi di sale al giorno e le donne 8 grammi.  

Complessivamente solo il 7% della popolazione consuma la giusta quantità di sale, anche se non sempre il sale consumato è quello aggiunto direttamente ai cibi (il 60% del sale che viene assunto ogni giorno proviene dagli alimenti all’origine) e  molto c’è da fare sul fronte della prevenzione e del miglioramento delle abitudini alimentari.

Basti pensare che se gli italiani dimezzassero la quantità di sale assunta abitualmente si scongiurerebbero fino a 26mila morti all’anno (causate soprattutto da Ictus e ischemie)
Per questo motivo il punto di partenza è il pane, l’alimento più amato dagli italiani e a giusta ragione dal momento che ha un valore nutrizionale indubbiamente straordinario: i carboidrati complessi del pane, infatti, forniscono energia a lento rilascio, senza provocare picchi di insulina.

In prima linea sono stati chiamati i panificatori perché il 90% degli italiani sceglie pane artigianale e prossimamente saranno coinvolte industrie alimentari alle quali verrà chiesto di ridurre la quantità di sale contenuta dagli alimenti all’origine.
 


Per approfondire guarda anche: “I pericoli di una dieta ad alto contenuto di sale“  
Leggi anche:
Lo iodio è un micronutriente essenziale per il corretto funzionamento della Tiroide e in gravidanza è necessario per lo sviluppo del cervello del nascituro.
Commento del medico
Prof. Giacinto Abele Donato Miggiano
Prof. Giacinto Abele Donato Miggiano
Specialista in Gastroenterologia

Senza sale è meglio e adesso è di tendenza.
Farina, lievito, acqua e sale.

Il pane è un alimento insostituibile, soprattutto se rispetta alcuni importanti dettagli nella quantità degli ingredienti.

L’hai trovato utile?

Condividi

Iscriviti alla newsletter di Paginemediche
Unisciti ad una community di oltre 50mila persone per ricevere sconti esclusivi e consigli di salute dai nostri esperti.
Ho letto l'Informativa sulla Privacy e acconsento al trattamento dei miei dati personali