Sicurezza sugli sci: cosa sapere prima di mettersi in pista

sicurezza sugli sci cosa sapere prima di mettersi in pista
MFL MFL

Con le temperature miti che si sono registrate in Italia in questo inizio di inverno gli sci sono rimasti in soffitta più a lungo del previsto. Ma il freddo è arrivato e anche le nevicate che hanno imbiancato le località montane e sciistiche dando il via alla stagione sportiva. Prima di partire per la montagna, però, è bene seguire qualche accorgimento per esser certi di sciare in tutta sicurezza.

Innanzitutto, occhio all’attrezzatura: fate un check up agli sci e agli attacchi prima di montarli. Inoltre siate obiettivi con voi stessi e non buttatevi a capofitto sulle piste senza un’adeguata preparazione fisica. Se siete allenati e frequentate regolarmente palestra o altri centri sportivi potrete limitarvi a fare stretching prima e dopo la sciata, ma se siete sedentari e poco inclini a fare sport sarebbe meglio allenarvi con un po’ di corsa o informarvi presso la palestra per frequentare un corso di ginnastica presciistica.

In montagna, attenzione ai raggi del sole (che colpiscono con forza, anche da dietro le nuvole): è bene proteggere pelle, occhi e testa con crema solare ad alto fattore protettivo, occhiali da sole e cappello. Attenzione se soffrite di pressione alta: il brusco passaggio da un luogo riscaldato all’aria aperta e fredda può provocare disturbi. Infine permettete al vostro Organismo di abituarsi progressivamente al cambio di altitudine: la malattia da Altitudine colpisce 3 persone su 10 ed è caratterizzata da sintomi come aumento del battito cardiaco e anomalie nella respirazione.

L’Alimentazione va curata con particolare attenzione: è bene bere molta acqua, anche quando non se ne sente il bisogno, e vanno privilegiati i carboidrati, che forniscono energia a lento rilascio. La Polizia di Stato ricorda che esiste un vero e proprio regolamento che disciplina l’utilizzo delle piste da sci.

Ecco qualche indicazione: la legge sancisce l’obbligo di indossare il casco per tutti i ragazzi con meno di 14 anni; il sorpasso deve avvenire "a monte o a valle, dalla destra o dalla sinistra, ma sempre a una distanza tale da evitare intralci a chi viene sorpassato", e la sosta "deve avvenire ai bordi della pista e mai, se non in caso di necessità, nei passaggi obbligati o senza visibilità"; c’è l‘obbligo di dare precedenza a chi arriva da destra e al momento del sorpasso non si deve intralciare la persona superata; bisogna prestare soccorso a una persona infortunata (dare l’allarme è un obbligo di legge) e se si cade non bisogna intralciare il passaggio e ci si deve spostare a bordo pista; gli sciatori dovrebbero adattare la velocità "alle capacità personali e alle condizioni delle piste, del tempo e alla densità del traffico" e devono tenere una condotta che non metta in pericolo gli altri.

Infine chi si dedica al fuoripista e allo sci-alpinismo ha l’obbligo di portare con sé, in caso di evidente pericolo di valanghe, gli strumenti elettronici per facilitare un'eventuale ricerca.

Il punto di vista
Medicina dello sport

Spesso la pratica dello sport viene effettuata solo in ristretti periodi dell’anno: è il caso degli sport estivi (nuoto, beach volley ...) e degli sport del periodo invernale (sci, snowboard ...). Questa modalità di fare sport espone a maggiori rischi il soggetto che non è preparato a sopportare l’impegno fisico di tali attività.

In più, solitamente, vista la breve durata della vacanza, si tende a sciare per il massimo di ore possibili, senza riposare e senza alimentarsi correttamente, aumentando così il rischio di incidenti per il deterioramento dell’efficienza fisica. È quindi importante cercare di svolgere un minimo di allenamento fisico prima della fatidica 'settimana bianca' e poi, durante la stessa, cercare sempre di alimentarsi correttamente e rispettare le necessarie pause per permettere al nostro fisico di recuperare dalla fatica.

Si deve poi dormire le ore necessarie per permettere al nostro organismo di recuperare tutte le energie: meglio qualche ora di 'sciata' in meno che il rischio di un infortunio più o meno grave.

19/05/2015
19/12/2011
TAG: Medicina dello sport | Sport e Fitness