Congiuntivite, cause e sintomi

congiuntivite cause e sintomi
Oftalmologia Oculistica

La congiuntivite è l’infiammazione dell’occhio più comune sia tra gli adulti sia tra i bambini e causa sintomi quali arrossamento, lacrimazione e bruciore.

Che cos’è la congiuntivite

Per congiuntivite si intende una infiammazione della congiuntiva, che è lo strato trasparente che ricopre la superficie dell'occhio e delle palpebre. La congiuntiva è la parte più esposta del nostro occhio e viene a contatto con numerose sostanze, sia microorganismi che sostanze nocive, per questo è soggetta a infiammazioni di vario tipo.

Esistono diverse forme di congiuntivite; a seconda delle cause si distinguono:

  • congiuntivite batterica
  • congiuntivite virale
  • congiuntivite allergica
  • congiuntivite irritativa
  • congiuntivite associata a malattie sistemiche.

Congiuntivite batterica

Le forme batteriche di congiuntivite sono le più frequenti e sono causate da germi, sia stafilococchi sia streptococchi, ma anche dai batteri H. influenzae, N. gonorrhoeae e da Clamidia Trachomatis.

I sintomi della congiuntivite batterica sono:

  • secrezione mucosa densa e gialla
  • rossore (iperemia)
  • lacrimazione.

Talvolta si può avere la guarigione spontanea, ma nella maggioranza dei casi è necessaria una terapia antibatterica.

Congiuntivite virale

Le forme virali di congiuntivite sono provocate dai virus. Le congiuntiviti virali sono particolarmente contagiose, soprattutto le forme provocate dagli Adenovirus. Le forme legate a Herpes virus sono molto gravi perché possono interessare anche la cornea, causando infezioni che se non curate in tempo possono portare ad ulcera corneale.

Le congiuntiviti virali, oltre al rossore e alla lacrimazione si possono associare a infezione e a sintomi generali come:

  • febbre
  • ingrossamento delle ghiandole linfatiche
  • malessere e dolore generale
  • gonfiore delle palpebre
  • fotofobia (intolleranza alla luce)
  • secrezione sierosa copiosa.

La risoluzione avviene dopo 10/15 giorni se trattata correttamente.

Congiuntivite allergica

Le forme allergiche di congiuntivite sono provocate dalla reazione dell'organismo contro agenti esterni, quali pollini, polvere e pelo di animali. Esse sono caratterizzate da

  • prurito
  • bruciore
  • sensazione di corpo estraneo.

I sintomi variano di grado durante il giorno e tra un giorno e l'altro. Le congiuntiviti allergiche traggono beneficio dall'uso di farmaci antistaminici topici e lacrime artificiali; nelle forme più gravi si utilizzano colliri cortisonici con moderazione, a causa degli effetti collaterali, come l'aumento della pressione intraoculare nei soggetti predisposti.

Altre forme di congiuntivite

Le forme irritative sono causate da esposizione ad agenti chimici e qualsiasi sostanza chimica che venga a contatto con la superficie congiuntivale; inoltre, sono caratterizzate da rossore e da secrezione sierosa. In questi casi è importante comprendere l'agente causale ed evitare il contatto. Le forme di congiuntivite associate a malattie sistemiche, sono un effetto di malattie come l'artrite reumatoide, le affezioni della tiroide e il diabete.

La diagnosi delle varie forme di congiuntivite è difficile. Il tampone congiuntivale è utile soprattutto nelle forme batteriche per isolare il germe responsabile e quindi indirizzare la terapia scegliendo l'antibiotico più efficace; i sintomi e la storia clinica sono utili per la diagnosi delle altre forme.

Leggi anche:
L'allergia ai pollini è un'allergia stagionale che ha come sintomi la congestione nasale, starnuti, tosse continua e congiuntivite.
21/07/2017
26/07/2017