Il 14 novembre si celebra la Giornata Mondiale del Diabete, quest’anno dedicata al ruolo fondamentale degli infermieri nella prevenzione e nella gestione del diabete.

Giornata Mondiale del Diabete 2020

La Giornata Mondiale del Diabete #WDD2020, è la più grande campagna di sensibilizzazione sulla malattia al mondo che raggiunge un pubblico globale di oltre 1 miliardo di persone in più di 160 paesi.

Nasce nel 1991 dall'International Diabetes Federation IDF e dall'Organizzazione Mondiale della Sanità OMS in risposta alle crescenti preoccupazioni di salute che comporta questa patologia e si celebra ogni anno il 14 novembre in occasione del compleanno di Sir Frederick Banting, scopritore dell'insulina insieme a Charles Best, nel 1922.

La campagna quest’anno vuole richiamare l'attenzione su un tema fondamentale, ossia l’importanza degli operatori sanitari che combattono insieme ai pazienti la lotta contro il diabete. In particolare, degli infermieri che rappresentano oltre la metà della forza lavoro sanitaria globale, impegnati ogni giorno a sostenere le persone che convivono con il diabete, o sono a rischio di sviluppare la condizione, facendo davvero la differenza nell’affrontare questa patologia e la sua vasta gamma di problemi di salute.

Giornata Mondiale Diabete: i numeri della malattia

Il diabete, con 425 milioni di casi, è una delle malattie più diffuse nel mondo e secondo la Federazione Internazionale del Diabete (IDF) sarebbero circa la metà di essi (212 milioni di malati) a non essere stati ancora diagnosticati. Le ultime stime evidenziano numeri in rialzo: nei prossimi vent’anni, la crescita del numero di casi di diabete nel mondo porterà a un aumento di eventi cardiocircolatori come infarto e ictus, anche mortali, addirittura pari a 1/3 entro il 2035.

In Italia il diabete conta 3,7 milioni di casi mentre sarebbero un altro milione i soggetti che avrebbero glicemia alta ma senza saperlo. Di tutta questa popolazione a rischio, l’80% è affetto da un diabete di tipo 2, cioè non insulino-dipendente (che è invece il diabete di tipo 1) e la maggior parte di questi diabetici (8 su 10) non controlla con la dovuta frequenza i valori nel sangue del glucosio, con il rischio di sviluppare gravi complicanze. Secondo i dati degli ultimi due anni, ogni 7 minuti un soggetto affetto da diabete è colpito da un attacco cardiaco.

Le iniziative per la Giornata Mondiale del Diabete

Dal 9 al 13 novembre al via la Settimana del Diabete 2020 con visite gratuite in 40 centri diabetologici in tutta Italia. Il motto che accompagnerà questa iniziativa è “Prenditi a cuore, fatti vedere”, dedicata a chi ha già una diagnosi di diabete di tipo 2, spesso inconsapevoli della gravità della loro malattia e dei passi avanti che sono stati fatti per gestirla.

Telefonando al numero verde 800.042747 si può prenotare una visita specialistica per imparare come affrontare la malattia al meglio e avere un controllo sull’insorgenza dei rischi, poiché si stima che lo scompenso cardiaco è una delle complicanze più precoci del diabete, mentre circa il 40% dei pazienti svilupperà prima o poi un’insufficienza renale.

Sei diabetico o hai il dubbio di esserlo?

Capire al meglio il diabete e le gravi complicanze che questo comporta se trascurato, significa poter affrontare con gli strumenti giusti la malattia. Troppo spesso, infatti, è individuato troppo tardi o trattato non correttamente.

Per toglierti qualche dubbio e cominciare un percorso di salute che mantenga sotto controllo i principali fattori di rischio, richiedi subito un teleconsulto con uno specialista.