Search

I medici più attivi

Ultimi articoli

09/03/2015

Controlli oculistici gratuiti per prevenire il glaucoma

Redazione Paginemediche
Scritto da:
Redazione Paginemediche

Durerà fino al 14 marzo la Settimana mondiale del glaucoma, un disturbo che, secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità, colpisce 55 milioni di persone nel mondo e che rappresenta la prima causa di disabilità visiva irreversibile al mondo (si stima che 24 milioni di persone abbiano perso la vista completamente o in parte a causa del glaucoma).

Definito “il ladro silenzioso della vista”, il glaucoma colpisce circa un milione di italiani che però possono anche non accusare nessun sintomo (si calcola che la metà dei malati non sappia di esserlo). Se non viene trattato il glaucoma porta a un irreversibile restringimento del campo visivo fino a causare all’ipovisione o alla cecità.

Qual è la causa del glaucoma? Generalmente il glaucoma è provocato da un aumento della pressione dell’umor acqueo (il liquido presente all’interno dell’occhio) che causa danni irreparabili al Nervo ottico. La pressione alta danneggia in modo definitivo i neuroni che trasportano il segnale elettrico dalla retina al cervello, se il glaucoma non viene trattato si verifica la riduzione dell’acuità visiva fino alla cecità.

L’unico modo per diagnosticare il glaucoma è attraverso una completa visita oculistica. Lo specialista nel corso della visita prenderà in esame tre parametri: la pressione intraoculare, l’aspetto del Nervo ottico e la perimetria computerizzata.

In occasione della Settimana Mondiale del Glaucoma, l’Agenzia internazionale per la prevenzione della cecità-IAPB Italia onlus organizza iniziative in 70 città italiane. In molte di queste si svolgeranno controlli oculistici gratuiti (con la misurazione della pressione oculare) a bordo di Unità mobili oftalmiche oppure in ambulatori oculistici.

Leggi anche:
Che cos’è, quali sono le cause e come si cura il glaucoma dell’occhio.
TAG: Oftalmologia | Eventi salute | Occhi | Vista
Redazione Paginemediche
Scritto da:
Redazione Paginemediche