Le malattie cardiache non riguardano solo gli uomini

Le malattie cardiache non riguardano solo gli uomini

In Australia le malattie cardiovascolari rappresentano il killer numero uno delle donne, con 31.000 decessi ogni anno.
In questo articolo:
Le malattie cardiovascolari rappresentano il killer numero uno delle donne australiane, con un costo per il sistema sanitario di 3 miliardi di dollari l’anno. Lo sostiene il rapporto The Hidden Hearts: Cardiovascular Risk and Disease in Australia Women, secondo il quale le malattie cardiovascolari e quelle associate - come il Diabete e l’insufficenza renale - contribuiscono alla morte di almeno 31.000 donne australiane ogni anno.
 
Una cifra ancora più significativa se si pensa che i decessi causati dalle forme più comuni di cancro, compreso quello al seno, sono 12.000 all’anno. Più di 3.000 donne, quindi, ogni anno, subiscono un attacco di Cuore improvviso e fatale e un terzo di chi sopravvive muore entro 12 mesi.
 
La relazione sarà presentata oggi, martedì 11 ottobre, a Canberra, durante un vertice speciale presso il Parlamento australiano. La ricerca, condotta dal Mary MacKillop Institute for Health Research, ha anche evidenziato che una donna su nove ricoverata in ospedale per la prima volta a causa di una malattia coronarica muore entro 28 giorni. 
 
Il leader dell’indagine, il professore Simon Stewart, ha affermato che la grande maggioranza delle donne australiane pensa che le malattie cardiache e l’ictus siano prettamente "maschili". “Questo non è vero - ha spiegato il dott. Stewart - e ci vuole una campagna di informazione ad hoc: molte donne australiane rischiano di ammalarsi, soprattutto a causa degli stili di vita”.
 
Uno dei fattori, infatti, delle malattie cardiovascolari è senza dubbio l’obesità. “È imperativo - ha affermato il dott. Stewart - che i governi e le autorità sanitarie strutturino una risposta adeguata in modo tale da limitare il numero dei decessi”.
 

Per approfondire guarda anche: “Malattie cardiache e obesità“  

E in Italia?

Purtroppo, la situazione nel nostro Paese non è differente. Stando, ad esempio, a dati ISTAT pubblicati nel dicembre del 2014, le donne decedute per malattie cerebrovascolari sono state 37.304, mentre 37.140 sono morte a causa di malattie ischemiche del cuore. 
"Per spiegare la grande Incidenza che le malattie cardiovascolari hanno nella donna - riporta in un articolo l'Huffington Post - basta pensare che, per ogni donna cui viene diagnosticato un tumore al seno, ci sono almeno 10 donne che rischiano di presentare gravi patologie cardiovascolari”.
 
Leggi anche:
Bastano 30 minuti di attività fisica al giorno per ridurre lo sviluppo di malattie cardiache. La corsa, il nuoto e il tennis sono indicati per mantenere il cuore sano e forte.
Cerca un medico nella tua città
Specialista in Malattie dell'apparato cardiovascolare e Medicina dello sport
Prov. di Salerno
Specialista in Malattie dell'apparato cardiovascolare
Prov. di Ascoli Piceno
Contatta il migliore specialista nella tua città
Specialista in Malattie dell'apparato cardiovascolare e Medicina interna
Ancona (AN)
Specialista in Malattie dell'apparato cardiovascolare e Radiodiagnostica
Mazara del Vallo (TP)
Specialista in Malattie dell'apparato cardiovascolare e Cardiologia
Sanremo (IM)
Specialista in Cardiologia interventistica e Malattie dell'apparato cardiovascolare
Bari (BA)
Specialista in Malattie dell'apparato cardiovascolare e Medicina interna
Roma (RM)
Specialista in Malattie dell'apparato cardiovascolare e Malattie dell'apparato respiratorio
Aversa (CE)
Specialista in Geriatria e Gerontologia e Malattie dell'apparato cardiovascolare
Napoli (NA)
Specialista in Malattie dell'apparato cardiovascolare e Ipertensione
Prov. di Milano