La nuova variante del Covid-19, Omicron (B.1.1.529), è diversa dalle precedenti: oltre ad essere più contagiosa (ma meno pericolosa rispetto alla Delta), provoca una sintomatologia simile a un normale raffreddore ma forse con un po' più di stanchezza e disagio.

Variante Omicron: cosa sappiamo

È stata scoperta in Sud Africa il 24 novembre e ha già messo in allarme i governi di mezzo mondo: l’Omicron è una variante molto particolare perché presenta un numero molto elevato di mutazioni mai viste prima, oltre 50, di cui 32 sulla proteina spike (quella che attacca le cellule sane dell’organismo) e precisamente nella parte S1, quella legata alla contagiosità.

Infatti, rispetto alle precedenti mutazioni, si manifesta con una trasmissibilità cinque volte superiore a quella della variante Delta ma con sintomi più lievi.

Questo dato è ad oggi confermato dai risultati di sei diverse ricerche preliminari, che sembrano evidenziare come questo nuovo ceppo di Coronavirus si replichi soprattutto nelle vie respiratorie superiori (naso, gola, trachea, bronchi) ma meno nei polmoni.

Tra questi, uno studio condotto da un team di ricercatori dell'Università di Hong Kong ha scoperto che Omicron si replica 70 volte più velocemente del Delta nelle vie aeree superiori e si infiltra invece molto più lentamente nel tessuto polmonare. Questo vuol dire che se il virus si replica di più nelle prime vie aeree (senza arrivare ai polmoni) sarà potenzialmente più trasmissibile e meno pericoloso.

Sintomi Omicron: gli otto segnali

Uno degli studi più ampi condotto nel Regno Unito, in cui milioni di pazienti segnalano autonomamente la propria sintomatologia, i soggetti positivi alla variante Omicron hanno dichiarato come sintomi:

  • raffreddore, starnuti e rinorrea
  • gola irritata e tosse secca
  • dolori muscolari e ossei diffusi
  • stanchezza e affaticamento più o meno marcato
  • mal di testa lieve o moderato
  • paralisi notturna e sudorazione
  • nebbia cerebrale
  • eruzioni cutanee.

Non si sono evidenziati invece quei sintomi che hanno caratterizzato l'infezione da Covid-19 nelle fasi iniziali, come la perdita di gusto e olfatto, la febbre, le difficoltà respiratorie e l’alterazione della saturazione dell'ossigeno nel sangue, con compromissione polmonare.

Sintomi sospetti e non sai a chi chiedere?

Puoi ottenere un primo orientamento sulla presenza di sintomi sospetti da Covid-19 interrogando il chatbot Serena di Paginemediche. In maniera semplice e immediata ti guiderà alla giusta interpretazione dei segnali e come meglio comportarsi. Provalo subito.