Logo Paginemediche
closeCiao sono NoEmi. Hai problemi di mal di testa?
Icon Noemi EParliamone
Tipi di mal di testa, come riconoscerli?

Tipi di mal di testa, come riconoscerli?

Spesso facciamo i conti con diversi tipi di mal di testa che possono variare per cause, posizione, intensità e frequenza.
In questo articolo:

La testa è una delle parti del corpo più soggette al dolore: il mal di testa può scatenarsi improvvisamente e con estrema intensità o comparire gradualmente in una zona e restare per ore.

Nella maggioranza dei casi le cefalee (così chiamate scientificamente) non sono gravi e, per fortuna, sono temporanee; in altri, però, sono sintomi di malattie importanti. Ecco perché è fondamentale riconoscere i tipi di mal di testa.

Tipi di mal di testa

Esistono due tipi di mal di testa, così classificati dall’International Headache Society:

  • Primari, dove il mal di testa stesso rappresenta il problema principale;
  • Secondari, quando è causato da un'altra condizione che innesca dolore alla testa.

I mal di testa primari sono i più comuni ed anche i più frequenti: in Italia oltre 7 milioni di persone ne soffrono e le cause derivano dall'infiammazione delle parti del corpo intorno al collo e alla testa, tra cui nervi, vasi sanguigni e muscoli. Le cefalee primarie non sono pericolose ma spesso influiscono sulla qualità della vita: possono essere occasionali e risolversi velocemente, oppure durare ore ed essere debilitanti.

Le cefalee secondarie, invece, sono più rare ma generalmente più gravi in quanto il mal di testa è solamente la spia di un’altra malattia, talvolta importante. Spesso derivano da un problema strutturale che riguarda la testa o il collo, provocato da varie patologie, quali il mal di denti, il dolore causato da un seno infetto, il sanguinamento nel cervello, l’encefalite e la meningite.

Tipi di mal di testa primari

Esistono diversi tipi di mal di testa primari:

Il mal di testa da tensione è il tipo di cefalea più comune, colpisce maggiormente le donne e si verifica molto probabilmente a causa della contrazione dei muscoli che coprono il cranio che, quando sono stressati, possono infiammarsi, generando spasmi e dolore. I sintomi iniziano nella parte posteriore della testa, come una pressione, e si diffondono spesso sulle tempie o le sopracciglia, fino a circondare tutta la testa. L’intensità del dolore può variare ma, di solito, non è invalidante.

L’emicrania è il secondo tipo più frequente di cefalea primaria, il cui termine si riferisce a un mal di testa che colpisce, generalmente, un solo lato della testa. Si scatena solitamente con dolore intenso e pulsante che dura tra le 2 alle 72 ore, spesso associato anche a nausea, vomito, sensibilità alla luce e al suono. Quando questo mal di testa è preceduto da un sintomo premonitore si definisce emicrania con aura, mentre quando compare senza preavviso è un’emicrania senza aura.

La cefalea a grappolo, invece, è un tipo raro di cefalea primaria che colpisce più frequentemente gli uomini. È così chiamata perché tende a verificarsi ogni giorno per un periodo di una settimana o più, seguiti da mesi e anche anni senza mal di testa. Il dolore si verifica con episodi lancinanti intorno o dietro a un occhio che variano dai 30 ai 90 minuti, all’incirca alla stessa ora del giorno, spesso svegliando dal sonno. La causa può essere di derivazione genetica, innescato da cambiamenti nel sonno o da farmaci, ma anche da altri fattori come fumo, alcol e alcuni alimenti.

Altri tipi di mal di testa primari sono:

  • Cefalea da farmaci dovuto all’eccessivo consumo di medicinali;
  • Cefalea da variazioni ormonali, legate alle mestruazioni, alla pillola contraccettiva, la menopausa e la gravidanza;
  • Nevralgia del trigemino e disordini dell’articolazione temporo-mandibolare;
  • Mal di testa da congestione nasale o influenza;
  • Cefalea cervicogenica, ossia mal di testa da cervicale con dolore al collo e rigidità muscolare;
  • Mal di testa da weekend.

Mal di testa secondari: le cause

La comparsa di mal di testa secondari può essere associata a molte malattie, come individuato dall’International Headache Society:

  • Traumi al collo e alla testa: edema o gonfiore all’interno del cervello, commozioni cerebrali senza sanguinamento, colpo di frusta e lesioni al collo;
  • Problemi ai vasi sanguigni nella testa e nel collo: ictus o attacco ischemico transitorio, malformazioni arterovenose, aneurisma cerebrale o emorragia, infiammazione della carotide;
  • Problemi ai vasi non sanguigni del cervello: tumori cerebrali; convulsioni; ipertensione endocranica;
  • Infezioni, come la meningite, l’encefalite, l’HIV/AIDS, la polmonite o l’influenza;
  • Farmaci e droghe;
  • Cambiamenti nell’ambiente del corpo, tipo ipertensione, disidratazione, ipotiroidismo, dialisi renale.
Cerca un medico nella tua città
Specialista in Medicina generale e Neurologia
Rosarno (RC)
Specialista in Medicina generale e Neurologia
Pontecagnano Faiano (SA)
Contatta il migliore specialista nella tua città
Specialista in Medicina generale e Neurologia
Cologno Monzese (MI)
Medico di Medicina generale
Prov. di Napoli
Medico di Medicina generale
Prov. di Roma
Contatta il migliore specialista nella tua città
Medico di Medicina generale
Prov. di Parma
Specialista in Dietologia e Medicina generale
Prov. di Torino
Specialista in Dietologia e Medicina generale
Dalmine (BG)
Specialista in Dietologia e Medicina generale
Prov. di Roma
Medico di Medicina generale
Bojano (CB)