Starnuti, muco, naso chiuso, difficoltà respiratoria accompagnati spesso da mal di gola, spossatezza e dolori articolari, è facile riconoscere i sintomi del raffreddore e generalmente per liberarsene, ci vuole in media una settimana e non esiste una cura vera e propria. È necessario, infatti, che la patologia virale segua il suo naturale decorso, ma per alleviarne i malesseri è possibile affidarsi a diversi rimedi.

Consigli utili contro il raffreddore

Per combattere i fastidi del raffreddore occorre mettere in campo alcune strategie per rafforzare le difese immunitarie e seguire alcuni semplici accorgimenti:

  • Bere molti liquidi: i liquidi aiutano a espellere i muchi e a combattere la disidratazione. È bene evitare alcolici che, viceversa, possono causare disidratazione. L’ideale è una tazza di tè o infuso al quale si possono aggiungere erbe e spezie antivirali come la menta, il timo, la melissa;
  • Riposare e stare al caldo: il riposo aiuta a trattare efficacemente i malanni di stagione e sentirsi meglio oltre che evitare ulteriori contagi;
  • Smettere di fumare: i fumatori guariscono dopo, anzi fumando quando sono raffreddati rischiano ulteriori complicazioni polmonari. È dimostrato che oltre ad irritare gola e bronchi, il fumo danneggia il sistema immunitario;
  • Fare suffumigi (fumenti): respirare vapore acqueo arricchito di oli essenziali con un asciugamano sopra la testa, libera i bronchi sciogliendo i muchi e dona sollievo immediato in soli 15 minuti.

Accorgimenti nutrizionali anti-raffreddore

Gli alimenti e i loro principi nutritivi, inoltre, possono fornire un effetto protettivo e di supporto nella guarigione dal raffreddore. Tra gli alleati naturali particolarmente efficaci troviamo:

  • Brodo di pollo: è l’alimento ideale dalle proprietà terapeutiche, caldo e fumante aiuta a decongestionare le mucose nasali e a fluidificare il muco, in più contiene un aminoacido, la cisteina, che combatte l’eccesso di catarro e le infezioni delle prime vie respiratorie;
  • Miele: antibatterico e antiossidante naturale, aggiunto un cucchiaio a camomille, tisane o infusi, contrasta le malattie da raffreddamento delle vie aeree superiori;
  • Vitamine: la vitamina C in particolare rafforza il sistema immunitario e, in caso di raffreddore, aiuta a ridurre la durata e la gravità dei sintomi. È possibile farne scorta mangiando frutta e verdura fresca di stagione;
  • Zenzero: ha spiccate proprietà antivirali utili per trattare il raffreddore e il mal di gola. Si consiglia un decotto con radice fresca magari con l’aggiunta di limone e un cucchiaio di miele;
  • Zinco: aiuta ad alzare le difese immunitarie e a fare da scudo quando il clima cambia e i virus del raffreddore si diffondono. Si trova generalmente nella carne di manzo, pollo, maiale ma anche nei legumi come fagioli, ceci e piselli e nei crostacei.

Come evitare il contagio?

Per evitare che i virus del raffreddore si diffondano e compromettano la nostra salute è importante innanzitutto curare l’igiene e lavarsi spesso le mani. Queste infatti rappresentano il principale veicolo di trasmissione poiché siamo naturalmente portati a toccare continuamente il viso e le sue principali vie di accesso (naso, bocca e occhi) e favorire il contagio. Stesso discorso vale per il contatto fisico e tanto più con la saliva di un soggetto infetto.

Inoltre, è bene arieggiare quotidianamente i locali per diminuire la concentrazione di virus sospesi nell’aria e ridurre anche al minimo l’aria secca con un umidificatore. Questo, messo in casa, rende l’aria umida e aiuta a mantenere umido anche il tessuto nasale rendendolo più difficilmente attaccabile dai virus.