Congiuntivite e lenti a contatto: raccomandazioni e consigli

congiuntivite e lenti a contatto raccomandazioni e consigli
Rosaura Bonfardino
Scritto da:
Rosaura Bonfardino
Giornalista esperta in salute e benessere

Quando si soffre di congiuntivite, una delle prime domande che si pongono coloro che indossano delle lenti a contatto riguarda la possibilità o meno di continuare ad utilizzarle, sia durante la fase acuta dell'infiammazione che nel corso del trattamento per risolvere il problema. Per capirne di più, procediamo per gradi. Cerchiamo, innanzitutto, di capire cosa s'intende per 'congiuntivite': con questo termine s'indica un'infiammazione altamente contagiosa della congiuntiva, lo stato trasparente del tessuto che riveste la superficie interna della palpebra e copre la parte bianca dell'occhio.

Chiamata spesso anche 'occhio rosa', la congiuntivite si può manifestare sia negli adulti che (con una maggiore frequenza) nei bambini. Può riguardare solo un occhio o entrambi e, anche se è tra le infezioni più comuni agli occhi, se non curata e trattata in modo adeguato può trasformarsi in un problema più serio.

Come riconoscere la congiuntivite?

Chi viene colpito da congiuntivite, sia che si tratti di uno stadio acuto che cronico, presenta una sensazione granulosa in uno o entrambi gli occhi accompagnata da prurito e bruciore e da una lacrimazione eccessiva. Gli occhi, inoltre, si presentano rosa o rossi e le palpebre gonfie, con un aumento della sensibilità alla luce.

Le cause più comuni di congiuntivite

Tra le cause più frequenti vi è certamente un'infezione di tipo virale o batterica. La congiuntivite può essere, inoltre, conseguenza di una reazione allergica ad alcune sostanze irritanti, quali il polline, il fumo, il cloro presente nelle piscine o una scarsa igiene.
Tra le cause si annoverano anche gli ingredienti di alcuni prodotti cosmetici o persino le lenti a contatto. Trattandosi, poi, di un'infezione altamente contagiosa, la congiuntivite può anche trasmettersi per via del contatto con un'altra persona che ne è affetta.

Leggi anche:
Trascorrere tutta la giornata al pc può pregiudicare la salute degli occhi. Dieci semplici regole riducono il rischio di problemi di vista.

Come trattare la congiuntivite

Le cure, è bene precisare, variano a seconda del tipo di congiuntivite. Se si tratta di un'infiammazione di tipo allergico, il primo passo da fare è quello di rimuovere o evitare l'agente irritante, facendo impacchi freddi e utilizzando delle lacrime artificiali per alleviare il disagio nei casi lievi. In quelli più gravi, invece, è prevista la prescrizione di farmaci antistaminici e antinfiammatori non steroidei.
Nel caso di una congiuntivite batterica, in genere si utilizzano colliri o pomate antibiotiche con una soglia di miglioramento che varia tra i tre e i quattro giorni. Non esistono gocce o pomate per trattare quella virale. Il virus in questo caso deve fare il suo corso ma i sintomi possono essere alleviati con impacchi e lacrime artificiali.
Per la congiuntivite chimica, infine, è consigliabile l'uso di una soluzione salina. Le persone colpite da congiuntivite chimica possono anche avere bisogno di utilizzare steroidi topici.

Congiuntivite e lenti a contatto

Questo excursus sulla congiuntivite e sui trattamenti consigliati era necessario per capire come comportarsi se si utilizzano delle lenti a contatto. Innanzitutto la domanda da cui vogliamo partire è questa: "Ci sono delle precauzioni per ridurre la possibilità di ammalarsi di congiuntivite quando si usano le lenti a contatto?". I consigli sono pochi e semplici:

  • È buona norma lavarsi sempre accuratamente le mani, evitando di strofinarsi gli occhi o di condividere i propri cosmetici con qualcun altro.
  • È bene evitare anche la condivisione di salviette e asciugamani.
  • Se si utilizzano delle lenti a contatto rigide, si raccomanda di tenerle ammollo per 10 minuti in acqua ossigenata per assicurarsi che il virus venga distrutto.
  • Per quanto riguarda invece le lenti a contatto morbide, soluzioni liquide standard uccideranno il virus con facilità anche se c'è il rischio che restino dei micro frammenti che possono causare infezioni ricorrenti.
  • È importante anche disinfettare gli armadi in cui vengono conservate le lenti a contatto.
  • A coloro che sviluppano una congiuntivite è spesso consigliato di smettere di utilizzare le lenti fino alla risoluzione del problema.
  • Se è vero che esistono degli studi che evidenziano come l'uso di lenti a contatto non peggiora l'infiammazione, l'uso delle lenti deve essere sospeso quando il paziente rimane sintomatico e, o se viene coinvolta la cornea.
  • Le persone che indossano lenti a contatto dovrebbero evitare di indossarle durante le prime 24 ore di trattamento, o fino a quando l'occhio non è più rosso.

In ogni caso è bene chiedere, caso per caso, il parere di un operatore sanitario.

Per approfondire guarda anche “Riduzione della vista”

03/07/2018
11/05/2016
TAG: Infezioni | Occhi | Oftalmologia | Vista | Infiammazioni | Batteri | Allergie | Virus
Rosaura Bonfardino
Scritto da:
Rosaura Bonfardino
Giornalista esperta in salute e benessere