Cefalea a grappolo: sintomi e terapie

Neurologia

Che cos'è la Cefalea a grappolo

La Cefalea a grappolo è una cefalea primaria, ossia priva di cause conosciute, che deve il suo nome alla frequenza degli attacchi.
Colpisce più frequentemente i maschi dall'età di 20 anni in poi, con un picco di incidenza tra i 40 e i 50 anni ed è caratterizzata da periodi di fasi dolorose (dette grappoli o clusters), della durata di settimane (da 6 a 12), ciascun attacco di cefalea a grappolo si ripresenta a intervalli quasi regolari ogni 12-24 ore e può durare dai 15 minuti alle tre ore.
I periodi di remissione della cefalea a grappolo possono perdurare da sei mesi ad un anno, durante i quali il paziente non avverte alcun sintomo. 
 

Cause della cefalea a grappolo

Rispetto alle altre cefalee, quella a grappolo non sembra influenzata da alcun fattore ereditario, e non se ne conosce la causa. 
Cambio di stagione e abitudini di vita, stress, fumo e consumo di alcol sembrano facilitare l'esordio della cefalea a grappolo. Il fumo sembra essere un fattore di rischio per l'insorgenza della malattia ma smettere di fumare non ha effetti benefici una volta che la malattia è comparsa. 
 

Segni e sintomi della cefalea a grappolo

La cefalea a grappolo si accompagna tipicamente ad una serie di fenomeni neurovegetativi locali, cioè miosi, ptosi palpebrale con enoftalmo (sindrome di Claude Bernard Horner), iperemia congiuntivale con lacrimazione, edema palpebrale e rinorrea.
Più infrequentemente (a differenza dell'emicrania) la crisi dolorosa è associata a fenomeni neurovegetativi diffusi come fotofobia, fonofobia e nausea. 

Il Dolore ha carattere lancinante fisso ("come un chiodo") e la sua intensità è tra le più alte delle malattie dolorose conosciute. Può comparire di giorno o di notte e si presenta a ondate che raggiungono un acme per poi cessare gradualmente nell'arco di 45/60 minuti.

Le zone interessate sono quella oculare e quella temporale, sempre dallo stesso lato senza diffusione controlaterale. La probabilità di insorgenza del dolore dal lato opposto è bassa.

Il comportamento tipico del paziente durante l'attacco è contrassegnato dall'irrequietezza, come se cercasse di alleviare il dolore muovendosi in continuazione. In ogni caso, l'intensità del dolore causa un forte stress, per cui, terminato l'attacco, la persona colpita è presa da una forte stanchezza.


Terapia della cefalea a grappolo

La terapia farmacologica è parzialmente efficace nell'arginare la cefalea a grappolo: gli attuali farmaci disponibili (inalazioni di ossigeno, triptani per via parenterale ed ergotamina) sono tendenzialmente più efficaci nel ridurre l'intensità e la durata dei singoli attacchi, piuttosto che nella prevenzione dei grappoli.

Sono attualmente proposte diverse terapie profilattiche, con diversi meccanismi d'azione (dai cortisonici alla melatonina), senza chiare evidenze di efficacia a lungo termine.  

Non si hanno dati sufficienti rispetto alla probabilità di guarigione spontanea.

15/06/2015
13/09/2012