Nuoto e acquagym
01 Agosto 2012
|
3 minuti

Nuoto e acquagym

Il nuoto e l'acquagym sono tra gli sport più completi: consentono di coinvolgere, con gli esercizi, tutto l'apparato muscolo-scheletrico.
In questo articolo:

Gli sport acquatici sono tra i più completi, perché permettono di fare un esercizio che coinvolge tutto l'apparato muscolo-scheletrico senza pericolo di distorsioni e microtraumi da impatto.

Il nuoto, in particolare, permette agli adolescenti uno sviluppo armonico del fisico, riducendo la massa grassa, accelerando i processi metabolici e rinforzando tutti i muscoli che servono a mantenere una corretta postura.

Il nuoto

Con il nuoto è possibile attenuare alcune patologie a carico della colonna vertebrale, migliorare l'efficienza respiratoria e correggere dei difetti ortopedici del piede e della postura. Ovviamente, dato che il nuoto è uno sport molto impegnativo e sovente non ci si accorge della fatica (dato che non si vede la sudorazione), è facile esagerare: come per tutti gli sport, è necessario iniziare con gradualità e uscire dall'acqua non appena si avverte il minimo segno di fatica o brividi di freddo.

Per il primo mese (o a seconda della propria età e del proprio grado di allenamento) si consiglia di non oltrepassare i 20 minuti di nuoto per tre volte a settimana. È sempre giusto iniziare a fare nuoto sotto la supervisione di un buon istruttore, capace di correggere gli eventuali errori negli stili, perché gli esercizi fatti male possono essere controproducenti, causando crampi e strappi muscolari. Gli sport acquatici sono particolarmente indicati anche per chi deve fare riabilitazione dopo un incidente o un intervento chirurgico.

L'acquagym

Tra gli sport attualmente in voga, ha incontrato molto successo l'acquagym, una disciplina nata in mare e poi 'trapiantata' anche nelle piscine coperte. Consiste in un'attività aerobica specifica, da praticarsi con il livello dell'acqua alla vita o al collo (a seconda degli esercizi da praticare), con o senza accompagnamento musicale.

La resistenza, dolce ma costante, esercitata dall'acqua sui muscoli rende gli esercizi aerobici più efficaci e meno traumatici. Questa disciplina è particolarmente consigliata per le donne che desiderano tonificare glutei, gambe, seno e braccia, specie se hanno oltrepassato i quaranta anni.

Prima di bagnarsi

Gli sport acquatici, tuttavia, richiedono anche molte precauzioni: bisogna far passare almeno tre ore dall'ultimo pasto prima di immergersi in acqua, per evitare il rischio di congestioni; prima di iniziare un'attività sportiva acquatica, è sempre consigliato un breve riscaldamento a riva o a bordo piscina, al fine di scongiurare i pericolosi crampi; una volta terminato l'esercizio, è necessario reintegrare i liquidi persi bevendo molta acqua (non gelata).

L'igiene in piscina

L'igiene, in piscina, è fondamentale: l'umidità e il caldo favoriscono infatti il proliferare di molti Funghi e Batteri, con il concreto rischio di poter essere contagiati da alcune patologie cutanee, come la micosi, ad esempio. Per questo motivo è necessario attenersi a qualche regola:

  • mai camminare scalzi sui bordi della piscina, nelle aree comuni e nelle docce (usare delle apposite ciabatte di gomma), anche per evitare il rischio di cadute;
  • lavare con acqua ad alta temperatura e detersivi disinfettanti gli accappatoi, gli asciugamani e gli indumenti usati in piscina, evitando assolutamente di scambiarli con altre persone;
  • è buona norma, per la propria ed altrui igiene, utilizzare sempre una cuffia per i capelli durante la balneazione in piscina;
  • per essere sicuri dell'assoluta pulizia degli abiti, può essere utile questa contromisura: lasciare l'indumento per qualche giorno in una busta di plastica insieme ad un barattolo di cotone imbevuto di formalina;
  • evitare di frequentare le piscine quando si è affetti da infezioni batteriche o micosi a carico dell'Apparato uro-genitale per l'intero periodo in cui si manifestano i sintomi del disturbo. In questo modo si scongiura il peggioramento delle proprie condizioni e l'eventuale contagio di altri soggetti;
  • usare sapone liquido contenuto in dispenser sigillati in luogo di quello solido che può entrare in contatto con superfici igienicamente a rischio e può divenire, particolarmente negli ambienti umidi, veicolo di diffusione di eventuali forme micotiche uro-genitali e non verso altri soggetti.
Leggi anche:
La Micosi, la più comune infezione della pelle, si combatte con la prevenzione. Attenzione, ad esempio, a non stare mai scalzi in piscina.
Cerca un medico nella tua città
Specialista in Medicina dello sport
Brescia (BS)
Specialista in Malattie dell'apparato respiratorio e Medicina dello sport
Monti (OT)
Contatta il migliore specialista nella tua città
Specialista in Medicina dello sport
Cimego (TN)
Specialista in Medicina dello sport
Alba (CN)
Specialista in Medicina dello sport e Anestesia e rianimazione
Livorno (LI)
Specialista in Neurologia e Medicina dello sport
Montesano sulla Marcellana (SA)
Specialista in Pneumologia e Medicina dello sport
Messina (ME)
Specialista in Malattie dell'apparato cardiovascolare e Medicina dello sport
Prov. di Salerno
Specialista in Cardiologia e Medicina dello sport
Diamante (CS)
Specialista in Ortopedia e traumatologia e Medicina alternativa (agopuntura, omeopatia...)
Borgomanero (NO)